batteria-scarica-smartphone-android Fonte foto: Shutterstock
HOW TO

8 trucchi per risparmiare la batteria di uno smartphone Android

Arrivare a fine giornata con la batteria dello smartphone Android ancora carica è molto complicato: ecco alcuni suggerimenti

Uno degli aspetti più importanti di uno smartphone Android al giorno d’oggi è la durata della batteria. I giochi, le app, le mappe e i social rischiano di lasciarci a metà giornata con il telefono quasi scarico. Vediamo allora quali trucchi possiamo usare per allungare la vita della batteria del nostro smartphone Android

Il primo consiglio è rappresentato da una tecnologia disponibile su tutti gli smartphone Android con versione pari o superiore a Marshmallow. Si chiama Doze e chiude tutte le applicazioni quando il telefono non è in uso. Quando non usiamo lo smartphone, infatti, alcune app restano attive e possono scaricare la batteria del 12 o del 15% in base al modello che possediamo. Con Doze il consumo si ridurrà drasticamente fino al 5 o al 3%. Per attivare questa funzione dobbiamo andare in Impostazioni, poi alla voce Batteria, quindi dal menu selezioniamo la voce Ottimizzazione batteria e selezioniamo tutte le app da spegnere. Accertiamoci che i comandi vengano presi e il gioco è fatto.

Schermi AMOLED

Se possediamo uno smartphone con schermo AMOLED possiamo decidere di usare alcuni temi scuri, presenti di default, che consumano meno batteria rispetto a quelli più chiari e luminosi. In una certa fase di sviluppo di Marshmallow questa funzione fu attivata su tutti gli smartphone Android, ora invece non tutti i modelli la posseggono. Però potremo sempre installare un’app di terze parti che svolge gli stessi compiti.

Luminosità adattiva

Nella maggior parte degli smartphone di ultima generazione si trova un’impostazione, presente di default, che si chiama Adaptive Brightness, ovvero luminosità adattiva. Questa funzione agisce in maniera molto semplice: grazie a un sensore rileva la luce presente nella stanza, o quella solare se siamo all’aria aperta, e regola la luminosità dello schermo di conseguenza. Questa funzione ha però una pecca: non aiuta la vita della batteria. Il consiglio è quello di attivare la luminosità manuale e di scegliere, quando possibile senza affaticare la vista, di abbassare la luminosità per risparmiare batteria.

Time-out schermo

Usare un time-out dello schermo troppo lungo dimezzerà anche di mezz’ora al giorno la durata della nostra batteria. Spesso, infatti, apriamo il telefono e lo usiamo per 20-30 secondi. Per rispondere rapidamente a un messaggio o per controllare una notifica o anche solo l’orario. Per il resto del tempo però lo smartphone resta acceso inutilmente. Il consiglio dunque è quello di impostare un tempo molto breve per quanto riguarda lo spegnimento dello schermo. Ricordiamoci però di modificare l’impostazione se dobbiamo leggere un documento lungo, altrimenti ogni volta dovremo riaccendere lo schermo usando le impronte digitali o il PIN.

La vibrazione

Avere la vibrazione tattile in base ai tocchi della testiera è una funzione davvero necessaria? La risposta è no. Disattivando questa caratteristica allungheremo notevolmente la vita della batteria del nostro smartphone Android. Per farlo andiamo in Impostazioni, poi alla voce Suoni e notifiche, quindi vedremo una voce che ci indica se attivare o meno la vibrazione al tocco. E il gioco è fatto.

Notifiche

Disabilitare le notifiche sul blocco schermo può essere un’ottima pensata in termini di sicurezza informatica. Ma aprire ogni volta lo schermo ridurrà notevolmente la durata della vostra batteria. Se quello che ci interessa è l’autonomia, e non la privacy, allora impostiamo le notifiche sul blocco schermo. Nelle maggior parte dei telefoni sono anche già impostate di default. Durante la notte o a lavoro potremo anche impostare il telefono nella modalità Non Disturbare. In questo modo non solo non verremo svegliati o disturbati dalle notifiche ma risparmieremo anche molta batteria. È invece sempre consigliabile disattivare i servizi NFC, Bluetooth e la connessione dati quando non sono utilizzati in modo da risparmiare molta più batteria.

Evitare troppi widget

I widget sono comodi si sa. Aiutano a trovare facilmente le nostre app preferite. Però hanno anche un grosso impatto sulla durata totale della batteria dello smartphone. A meno che non siamo degli amanti delle scoricatoie per le app potremo anche pensare di eliminarli per risparmiare la carica della batteria dello smartphone Android

Aggiornamenti manuali

Gli aggiornamenti automatici sono una funzione molto comoda. Non dovremo ogni volta verificare gli aggiornamenti e impostarli manualmente. Ma è anche una decisione che consuma molti dati (se non abbiamo attivato il download solo con Wi-Fi) e che riduce la durata della batteria. Decidiamo noi quando aggiornare le varie app ed evitiamo di farlo tutte insieme. La batteria ci ringrazierà.

Ti raccomandiamo