windows-10-privacy Fonte foto: Shutterstock
TECH NEWS

Microsoft: maggiore privacy con il nuovo aggiornamento di Windows 10

L’azienda dopo le critiche mosse da diversi utenti permetterà di gestire e personalizzare i dati da inviare in caso di bug o malfunzionamenti del suo sistema operativo

Windows 10 sin dal momento del suo lancio ha diviso gli utenti. La Electronic Frontier Foundation, una società che fa da “cane da guardia” per la privacy in Rete, ha da subito accusato Microsoft di usare troppe informazioni sugli utenti, con il nuovo aggiornamento del sistema operativo però cambieranno molte cose.

Windows 10 e la privacy degli utenti. Molti utenti si sono lamentati con Microsoft sui diversi dati che il nuovo sistema operativo può raccogliere tra feedback e analisi delle prestazioni. Proprio per questo l’azienda ha deciso che nel prossimo aggiornamento ci saranno delle nuove impostazioni e una nuova interfaccia per la regolazione della privacy. Inoltre Microsoft ha dichiarato che diminuirà le informazioni raccolte e manterrà solo quelle relative a bug o malfunzionamenti del sistema operativo stesso. E i cambiamenti sono stati graditi anche da Maul Kalia, coordinatore legale presso la Electronic Frontier Foundation, che li ha definiti come necessari per il bene degli utenti.

Le modifiche per la privacy e la sicurezza

Premi sull'immagine per scoprire sette semplici mosse per salvaguardare la privacy onlineFonte foto: Shutterstock
Premi sull’immagine per scoprire sette semplici mosse per salvaguardare la privacy online

Per arrivare alle nuove impostazioni sulla privacy Microsoft ha lavorato in accoppiata con diverse società che tutelano gli utenti. Tra queste anche alcune organizzazioni per la tutela della privacy svizzere. La schermata per le impostazioni sulla privacy, che sarà visualizzabile dal prossimo aggiornamento di Windows 10, è molto intuitiva. Potremo scegliere se condividere o meno la posizione. Potremo disattivare Cortana e guardare la nostra interazione con l’assistente vocale come se fosse una cronologia di un browser web. Possiamo scegliere il livello di feedback da inviare in caso di problemi al sistema operativo e infine potremo decidere la rilevanza degli annunci mostrati. Possiamo anche scegliere di vedere pochi annunci, non rilevanti con i nostri reali interessi. Inoltre Microsoft ha fatto sapere che non raccoglie dati su contenuti di e-mail, chat, file o immagini.

 

Ti raccomandiamo