attacchi-hacker Fonte foto: Shutterstock
PMI E INDUSTRIA 4.0

Assicurazioni per attacchi hacker, le aziende spenderanno 7 miliardi

Il mercato delle assicurazioni contro gli attacchi hacker è in costante crescita, soprattutto tra PMI e aziende, entro il 2020 saranno spesi 7,5 miliardi

Il crescente numero di attacchi hacker, in maniera particolare contro aziende e PMI, sta facendo crescere il settore delle assicurazioni per la sicurezza informatica. Le imprese stanno imparando sulla propria pelle il costo e gli svantaggi, sia economici che d’immagine, relativi a un attacco informatico.

Secondo le prime stime, nel 2020 le aziende spenderanno circa 7,5 miliardi di dollari in assicurazioni per avere una maggiore protezione economica dagli attacchi hacker. Per capire quanto questo fenomeno sia in crescita basta guardare i numeri del 2015. Due anni fa le aziende hanno speso in assicurazioni di sicurezza informatica “solo” 2,5 miliardi di dollari. Le stime sono state fatte da PricewaterhouseCoopers. Si tratta di un network internazionale, operativo in 158 Paesi con oltre 223.000 professionisti, che fornisce servizi professionali di revisione di bilancio, consulenza di direzione strategica, oltre che consulenza legale e fiscale.

Antivirus con garanzia

Per venire incontro a questo fenomeno, alcune aziende che offrono soluzioni di sicurezza informatica stanno creando delle garanzie sui loro prodotti. Per esempio SentinelOne, che vende anti-malware e anti-ransomware, ha ideato un piano che ripaga fino a un milione di dollari le aziende che usano i loro sistemi antivirus e restano vittime di un attacco hacker. Soprattutto quelle che vedono i loro dati criptati da un attacco ransomware. Anche McAfee e Symantec hanno pensato a delle soluzioni simili. Secondo Steve Durbin, direttore dell’Information Security Forum, in futuro tutte le aziende di sicurezza informatica garantiranno una garanzia economica in caso di mancata protezione. Questo passo sarà fondamentale per le società di cybersecurity per non lasciare troppo vantaggio alle compagnie assicurative. In futuro a queste due realtà converrà collaborare e stringere legami perché il mercato della sicurezza informatica sembra in continua crescita e purtroppo al momento gli attacchi hacker sembrano non conoscere periodi di crisi.

Ti raccomandiamo