backup-google Fonte foto: ymgerman / Shutterstock.com
HOW TO

Come fare il backup della tua vita su Google

Fare il backup del prorpio account Google potrebbe sembrare un'impresa mastodontica. Invece è più semplice e veloce del previsto

5 Maggio 2017 - Ogni tanto effettuare un backup dell’account di Google, e di tutti (o solo alcuni) dei servizi offerti dal colosso del web, rappresenta una sicurezza. In altri casi, invece, è una necessità per fare posto ad altri dati e informazioni. Ecco come fare.

Accedi al tuo account di Google che trovi nel menu in alto a destra e seleziona Account Personale. Sarai dirottato nella pagina dedicata al tuo profilo – una sorta di “cabina di pilotaggio” – che, come spiega Mountain View ti permette di accedere rapidamente alle impostazioni e agli strumenti che consentono di proteggere i dati e la privacy e di decidere come sfruttare le tue informazioni per rendere gli strumenti e i servizi di Google su misura per te. A questo punto, dal riquadro Dati personali e Privacy, fai clic sulla scritta I tuoi dati personali. Scorri la pagina quasi fino in fondo dove troverai la sezione Controlla i tuoi contenuti: seleziona Crea archivio dal box Scarica i tuoi dati.

Sistema rapido ed efficace

Il backup del tuo account di Google, con tutti i servizi che offre, sarebbe un’impresa interminabile se il colosso di Mountain View non avesse pensato a un sistema che ti consente di decidere cosa salvare in locale o sul cloud. Sarai, quindi, dirottato in una pagina successiva che ti permette di scegliere i prodotti Google da includere nell’archivio e di configurare le impostazioni per ciascun prodotto. È un elenco lunghissimo, ma non lasciarti ingannare: ci metterai meno tempo di quello che immagini a creare un backup. Seleziona i “prodotti” di cui vuoi salvare il contenuto, imposta per alcuni le opzioni come, per esempio, per Posta, Google Foto o Chrome e, al termine, fai clic sul pulsante Avanti. Ti verrà chiesto di personalizzare il formato dell’archivio. Scegli il tipo di file (.zip, .tgz e .tbz), seleziona la dimensioni massima dell’archivio (se supera i 50 GB, il file sarà suddiviso in vari “spezzoni”) e il “metodo di recapito” che prevede l’invio tramite email del link per il download (avrai una settimana per scaricare il file), l’aggiunta a Drive, Dropbox o OneDrive (quindi in modalità cloud) che dipende dallo spazio che hai a disposizione. Effettuate le tue scelte, premi il pulsante Crea archivio. Google inizia a lavorare, prepara l’archivio, e quando avrà finito, ti invierà un’email per avvisarti.

Ti raccomandiamo