sicurezza-informatica Fonte foto: Shutterstock
SICUREZZA INFORMATICA

Come proteggere tutti i tuoi account online contro gli attacchi hacker

La sicurezza online non è mai stata così importante come negli ultimi anni. Non passa giorno senza news su attacchi hacker sempre più pericolosi e sofisticati

25 Marzo 2017 - Gli attacchi ai nostri dati sono in continuo aumento, e a confermarlo sono anche i dati dei vari istituti di ricerca. Ecco perché è importante sfruttare tutte le “armi” di difesa a nostra disposizione per blindare il più possibile i nostri account. Tutti i servizi online, ormai, offrono numerose misure di sicurezza e l’unico problema è sapere dove trovarle per attivarle.

La verifica in due passaggi è un’opzione ormai adottata per la maggior parte degli account: non sottovalutatela. Ci sono, poi, le regole che valgono da sempre come quella di scegliere password robuste e complesse, difficili da indovinare, diverse per ogni singolo account, e cambiarle regolarmente. Se è uno sforzo di memoria ricordarvele tutte, procuratevi un buon password manager, anche gratuito. E seguite i trucchi e i consigli che abbiamo preparato appositamente per voi sugli account più utilizzati a livello mondiale.

Google

Google, negli ultimi anni, ha semplificato la gestione di tutti i suoi numerosi servizi e applicazioni tramite un’unica pagina dedicata all’account degli utenti. C’è persino un’utile procedura guidata – Controllo sicurezza – che consente di verificare le informazioni di ripristino – il numero di telefono e l’indirizzo di posta elettronica di recupero – da usare per tornare in possesso del proprio account nel caso fosse eventualmente compromesso – così come il controllo su dispositivi e applicazioni collegati al proprio profilo per rimuovere tutto quello che non riconoscete. Non ci stancheremo mai di consigliarvi – anche se sappiamo che è vi fa perdere qualche minuto in più – la verifica in due passaggi – che però permette, tramite l’invio al vostro cellulare di un codice monouso, l’accesso al vostro account. Detto in altri termini, anche se qualcuno riuscisse a rubarvi la password, non sarebbe in grado di entrare nel vostro profilo. La attivate dall’area Accesso e sicurezza > Accesso a Google > Metodo di accesso e password > Verifica in due passaggi. Seguite poi le istruzioni che compaiono a video.

Apple

Il colosso di Cupertino ha adottato un approccio diverso rispetto a Google riguardo alla sicurezza dei dati, concentrandosi innanzitutto sull’hardware e poi sulle applicazioni. Le opzioni, quindi, che sarete in grado di ottenere tramite il browser non sono così complete come quelle proposte da Google. Il primo passo è accedere al sito Apple ID. La modifica più importante consentita da Apple è quella di attivare l’autenticazione a due fattori, che funziona in modo simile alla tecnologia utilizzata da Mountain View. Quando accedete tramite un nuovo dispositivo, è necessario l’ID Apple, la password, e un codice inviato ad altri vostri dispositivi registrati, come un MacBook o un iPhone. È, inoltre, possibile, da questa pagina, esaminare il resto delle impostazioni di sicurezza e scoprire quali computer, telefoni e tablet hanno effettuato un accesso. Se individuate un dispositivo che non riconoscete, è sufficiente selezionarlo e scegliere il comando Rimuovi. È anche possibile uscire da tutte le altre sessioni attive di iCloud accedendo a iCloud.com e visitando la pagina delle Impostazioni.

Microsoft

Microsoft offre delle impostazioni di sicurezza simile a Google e Apple, incluse le opzioni per controllare i dispositivi attivi e impostare la verifica in due passaggi. Esistono vari modi per raggiungere le pagine online Microsoft desiderate, ma il più semplice è puntare dritto a quella del vostro account Microsoft. Una volta effettuato l’accesso con le vostre credenziali – username e password – potrete visualizzare tutti i computer e gli altri dispositivi collegati al vostro profilo Microsoft sotto la voce Dispositivi. Se, anche in questo caso come per Google ed Apple, qualcosa non vi quadra, selezionate l’intruso e rimuovetelo. A questo punto fate clic sulla voce Sicurezza per accedere alle opzioni per controllare i vostri dati personali – aggiornateli se necessario in modo da riuscire a usarli per recuperare il vostro account nel caso venisse bloccato e alle attività recenti che vi dà modo di scoprire se è in corso un “via vai” sospetto nel vostro account. Segui il link per accedere a ulteriori opzioni di sicurezza e impostare l’autenticazione in due passaggi in modo che, da uno smartphone sicuro diventa un requisito extra per entrare nel vostro account usando le vostre credenziali.

Facebook

Il social più frequentato del mondo offre un numero impressionante di strumenti per proteggere il vostro account che sono, nella maggior parte dei casi, ospitati nella scheda Protezione della pagina Impostazioni di Facebook, lasciandovi un unico “compito”: scegliere una password solida e difficile da indovinare. Ma torniamo all’area Protezione in Impostazioni. Da qui potete verificare quando avete effettuato il login e da quali dispositivi e ricevere avvisi se qualcuno ha cercato di accedere al vostro account da un dispositivo o browser sconosciuto. Facebook vi consente, inoltre, di specificare da 3 a 5 “contatti fidati” che possono garantire la vostra identità nel caso non riusciste più a entrare nel vostro account bloccato. Anche il social vi propone – come tutti i servizi descritti finora – l’opzione di autenticazione a due fattori. È fondamentale se desiderate collegarvi a Facebook da un nuovo computer o device tramite un codice che ricevete sul cellulare unito alle vostre solite credenziali. Una volta che questi dispositivi sono contrassegnati come attendibili, non è più necessario ripetere questo passaggio.

Twitter

Il social del cinguettio non offre tutti i livelli di sicurezza come Facebook, ma le principali garanzie sono comunque disponibili se andate nella pagina delle Impostazioni e Privacy nella versione web. È prevista la protezione in due passaggi – accessibile dall’area Account > Sicurezza – che Twitter chiama Verifica d’accesso: è sufficiente attivarla per ricevere un SMS con un codice che servirà per accedere al vostro account quando viene eseguito da un nuovo dispositivo con il vostro username e la password. Se qualcuno cerca di entrare nel vostro profilo, questo sistema proteggerà la vostra privacy e, al tempo stesso, vi avviserà del tentativo di accesso non autorizzato. È anche consigliabile attivare l’opzione Recupero password che, in altri termini significa che Twitter chiederà ulteriori dettagli – come il vostro numero di telefono – se qualcuno tentasse di avviare il processo di ripristino.

Libero Mail

Anche il servizio di posta elettronica Libero Mail offre la possibilità di proteggere il proprio account dagli hacker con un doppio livello di protezione. Grazie al servizio Password Sicura, oltre alla classica chiave di sicurezza, sarà necessario un ulteriore codice, che sarà inviato tramite SMS sullo smartphone, per effettuare l’accesso al proprio account di posta elettronica.

Dopo avere effettuato il primo accesso dal computer o dal dispositivo che si utilizza abitualmente, basterà inserire solamente la password per entrare, mentre se si userà un notebook differente sarà necessaria sia la chiave di sicurezza sia il codice di sicurezza che arriverà sullo smartphone.

Per attivare Password Sicura, è necessario entrare all’interno dell’area selfcare, poi entrare nella sezione Sicurezza e selezionare la voce Password Sicura. A questo punto sarà necessario inserire il proprio numero di telefono per ricevere il codice di verifica tramite SMS. Una volta inserito il codice numerico, sarà possibile impostare il computer come affidabile per non dover richiedere più la verifica tramite smartphone. Completato anche questo passaggio, il servizio Password Sicuro sarà attivo.

 

Yahoo!

Gli ultimi anni non sono stati facili per Yahoo! dal punto di vista della sicurezza. Ma per chi è rimasto fedele a questo storico sito – nonostante le ripetute e gravissime violazioni – ecco, allora come provare a ridurre al minimo il rischio di futuri hacking visitando la pagina dell’account via browser. Entra in Yahoo!, vai in Info account e fai clic su Sicurezza dell’account. Anche Yahoo! ha introdotto funzione di verifica in due fasi, così come una funzione chiamata Proteggi il tuo account con la Chiave account Yahoo che, in pratica, aggiunge una protezione supplementare tramite un’applicazione Yahoo! da installare su un telefono di fiducia. Yahoo! raccomanda inoltre agli utenti, alla luce delle recenti violazioni dei dati – anche di disabilitare le proprie domande di sicurezza perché alcune di queste informazioni potrebbero essere ormai di pubblico dominio e gli hacker potrebbero potenzialmente usarle per far finta di essere voi.

Altri account

I vostri altri account online dovrebbero, di solito, offrire le medesime opzioni che abbiamo già accennato. Date, quindi, un’occhiata, alle varie impostazioni per scoprire quello che propongono. La verifica in due passaggi dovrebbe, ormai, essere disponibile per la maggior parte degli account. Niente, purtroppo, può garantirvi protezione e sicurezza online al 100%, quindi cercate di non abbassare mai la guardia: nuove vulnerabilità sono scoperte ogni giorno. Fate attenzione alle email sospette che possono contenere malware o ransomware che, se installato, può rubarvi dati preziosi se non addirittura ricattarvi per estorcervi un “antidoto” a pagamento per decriptare le vostre informazioni. Attenti al phishing e a ogni altro tipi di ingegneria sociale. E non dimenticate di tenere sempre tutto aggiornato sia sul computer sia sui dispositivi portatili.

Ti raccomandiamo