facebook-password-reset Fonte foto: web
SICUREZZA INFORMATICA

Recuperare password, Facebook si vuole sostituire all’email

Il social network vuole rendere più semplice e sicuro recuperare la password nel caso la dimenticassimo. Ecco come funziona recuperare password con Facebook

Non solo reti sociali. Da tempo Facebook ci ha abituati a novità che riguardano non solo il suo core business (post, foto e condivisioni, per l’appunto) ma anche e soprattutto la difesa della privacy e la sicurezza degli internauti. Diverse le misure messe in campo nelle ultime settimane, alcune delle quali riguardanti anche servizi esterni a Facebook.

Se gennaio 2017 si è chiuso con i rilasci dell’autenticazione a due passaggi con chiavetta USB crittografica e una nuova policy per la privacy (in occasione del Data Privacy Day 2017), febbraio si apre con una novità che potrebbe riguardare un po’ tutti gli internauti (o, quanto meno, quei 2 miliardi circa che hanno un profilo sul social di Mark Zuckerberg). Facebook, infatti, vuole sostituirsi alle domande di sicurezza e agli indirizzi email secondari per recuperare la password persa o dimenticata. Come? Semplicemente facendo leva sulle credenziali utilizzate solitamente per collegarsi a Facebook

Come funziona Facebook delegated recovery

Il sistema, chiamato delegated recovery, sarà inizialmente testato su GitHub, piattaforma dove gli sviluppatori software condividono i loro lavori e chiedono aiuto alla community per testarli e migliorarli. Come recuperare password con Facebook? Nel corso della procedura per tornare in possesso delle proprie credenziali, ci si potrà autenticare nuovamente sfruttando l’account del social network e richiedere l’invio di un token (con marca temporale) che permetterà di ripristinare il profilo e accedervi nuovamente. Queste operazioni, ovviamente, avverranno nel corso di una sessione protetta e tutti i dati scambiati saranno crittografati: in questo modo, anche se qualcuno tentasse un attacco man in the middle, né la password di Facebook né i token di sblocco saranno utilizzabili da cybercriminali.

Ti raccomandiamo