applicazione-android Fonte foto: PixieMe / Shutterstock.com
HOW TO

Come rendere più veloce il tuo smartphone Android

Per velocizzare lo smartphone Android è necessario eliminare i file spazzatura che si accumulano nella memoria. Ecco alcuni consigli e applicazioni da usare

Uno dei problemi di chi usa uno smartphone è sicuramente la gestione dello spazio d’archiviazione. Dopo un po’ di mesi dall’acquisto il dispositivo inizia a riempirsi di file e la memoria diminuisce, riducendo le performance dello smartphone. Ma con dei semplici trucchi è possibile migliorare la velocità dello smartphone Android.

Avere la memoria intasata è un grosso fastidio. Non si possono scattare nuove foto, non si possono scaricare nuove applicazioni, e in generale l’intero le prestazioni dello smartphone sono molto più lente. Molti utenti per risolvere questa situazione scaricano delle app per la pulizia dello smartphone, che si possono trovare facilmente facendo una veloce ricerca su Google Play Store. Purtroppo, però, molte di queste applicazioni non mantengono le promesse sperate e non fanno altro che rallentare le prestazioni del device.

Usare DiskUsage

Un’app molto utile è DiskUsage che si adatta allo smartphone su cui viene installata. Perciò vi darà un report dettagliato della vostra memoria e vi fornirà dei consigli su quali file cancellare. Al contrario molte applicazioni simili usano delle soluzioni standard su tutti i telefoni, che però possono non aiutare il vostro dispositivo.

Eliminare manualmente la cache

Le app sono un vero problema per la memoria dei nostri telefoni. Prendete per esempio app per la messaggistica come WhatsApp che intasano il telefono con foto, video, note vocali e documenti. Un consiglio è quello di non impostare il download automatico dei file multimediali su queste applicazioni. Ogni tanto, inoltre, è consigliabile pulire la cache, ovvero tutti i file che l’app accumula per funzionare al meglio. Cancellare la cache è molto semplice. Andiamo su Impostazioni sul nostro smartphone Android. Quindi clicchiamo sulla voce App. Qui sfogliamo la lista di tutte le applicazioni presenti e selezioniamo quelle che occupano più spazio, come Facebook, Instagram o Twitter, per fare degli esempi. Una volta entrati nella sezione riservata dell’app clicchiamo sulla voce Memoria e poi su Cancella cache.

Ripristino dati di fabbrica

Una soluzione drastica ma molto efficace è il ripristino dei dati di fabbrica. Questo metodo cancellerà dal telefono tutto quello che abbiamo inserito da quando lo abbiamo comprato. In pratica il dispositivo tornerà identico al giorno che lo abbiamo comparto. Ovviamente prima di effettuare questa soluzione conviene eseguire un backup per non perdere i dati come le foto, la musica e i documenti più importanti. L’unica cosa che resterà aggiornata rispetto all’acquisto è il sistema operativo. Per esempio se siamo passati da Marshmallow a Nougat l’aggiornamento resterà valido. Si tratta di una tecnica consigliata in alcuni casi. Per esempio se state vendendo il telefono o lo state regalando a un amico. Ma anche se avete un vecchio smartphone che non riesce più a funzionare in maniera ottimale. Ripristinare i dati di fabbrica è un’operazione molto semplice: andiamo su Impostazioni, poi sulla voce Backup e Ripristino. Eseguiamo prima un backup e poi andiamo sulla sezione Ripristino dati di fabbrica. Diamo il via al processo selezionando la dicitura Ripristino. Alle volte per dare l’ok è necessario reinserire il nostro PIN. Una volta completato il processo riavviamo lo smartphone. E il gioco è fatto.

Applicazioni ad hoc

Fin qui abbiamo un po’ criticato le funzioni troppo standardizzate delle app per la pulizia. In ogni caso va fatta un’eccezione per alcune soluzioni che si trovano su Google Play Store. Ci sono, infatti, delle app abbastanza utili e facili da utilizzare che possono aiutarci a ripulire per bene lo smartphone. SD Maid è una di queste. L’applicazione va alla ricerca dei file spazzatura che non sono più utili per il dispositivo e ricerca anche i file lasciati da vecchie applicazioni ormai disinstallate. Inoltre, rimuove anche i file duplicati. Si tratta di un’app estremamente intuitiva con un’interfaccia minimalista che aiuta anche gli utenti meno esperti. Esiste una versione gratuita e una Pro che costa poco più di 3 euro. Attenzione invece a usare CCleaner. Quest’app è perfetta su PC ma su Android va usata con moderazione. Esegue una scansione approfondita di cronologia browser, chiamate, file delle app e contenuti multimediali duplicati. E poi consiglia cosa eliminare o meno. È utile ma è meno performante rispetto a quando viene usata su computer.

Ti raccomandiamo