iphone-memoria Fonte foto: Shutterstock
APPLE

Come sopravvivere con un iPhone con solo 16 gigabyte di memoria

Gli smartphone più economici di casa Apple hanno solo 16GB di memoria interna, ecco dei piccoli e semplici trucchi per ovviare, in parte, a questo problema

La scelta di Apple di impostare i suoi iPhone più economici con solo 16GB di memoria è un vero incubo per gli utenti. La maggior parte degli smartphone, più economici rispetto a quelli di Cupertino, hanno uno spazio di archiviazione più grande. Ma con alcuni semplici trucchi si può aumentare lo spazio dell’iPhone.

Quando si ha a disposizione solo 16GB bisogna essere bravi a occuparlo, altrimenti ben presto l’iPhone perderà di potenza. È una regola che vale nei piccoli appartamenti così come nell’utilizzo di uno smartphone con una memoria non sufficiente. Va ricordato inoltre che Apple non permette a differenza della maggior parte dei dispositivi Android di usare una microSD per espandere la memoria interna. Per questo motivo prima di lamentarci, innervosirci e cancellare file importanti proviamo a mettere un po’ d’ordine all’interno di tutti i documenti, le foto e i video che abbiamo salvato sull’iPhone. Organizziamo lo spazio come se fosse qualcosa di fisico per capire cosa cancellare e cosa tenere.

Organizzare la memoria dell’iPhone

Per capire come sopravvivere con un iPhone da 16GB, il primo passo da fare è effettuare una scansione delle applicazioni installate. Per farlo andiamo dal nostro iPhone su Impostazioni, poi su Generali, Utilizzo e clicchiamo sulla voce Gestisci Spazio. Qui riceveremo un report dettagliato su tutte le applicazioni e i file che stanno intasando la nostra memoria. A questo punto se notiamo dei giochi o delle app che non usiamo praticamente mai, o dei quali possiamo liberamente fare a meno, eliminiamoli. Possiamo anche decidere di disinstallare alcune app e usare le loro versioni web. Pensate a Facebook per esempio. Certo l’app è più comoda, ma occupa davvero tanto, troppo, spazio e consuma anche tantissima batteria. Potremo cancellarla e liberare GB dall’iPhone.

Abbassare la risoluzione delle immagini

Potrebbe sembrare un controsenso ma le fotocamere di oggi non aiutano gli smartphone. È vero scattano foto incredibili e realizzano video di estrema qualità, ma creano file sempre più pesanti per i nostri telefoni. Il controsenso poi è che app come Facebook e Instagram di default quando carichiamo una foto o un video ne abbassano la risoluzione. Per questo per evitare di intasare la nostra memoria potremo pensare di diminuire la risoluzione dei vieo. Farlo è semplice, andiamo su Impostazioni, poi su Fotocamera e quindi clicchiamo sulla voce Video . Se è impostato su 4K potremmo abbassarlo a 1080p o anche a 720p. Purtroppo la stessa operazione non si può compiere con la fotocamera. Però in questo caso potremo usare un’app di terze parti come Camera +.

iCloud

Se le foto e i video sono il nostro tallone d’Achille allora potremo rivolgerci al servizio iCloud. iOS è dotato di servizio Ottimizza spazio che permette di salvare su iCloud le foto e i video con qualità massima e di mantenere le stesse sul telefono con una risoluzione ridotta. Attivare questa funzione è semplicissimo. Andiamo su la voce iCloud, e quindi selezioniamo l’opzione foto. Ci vorrà un po’ prima che l’ottimizzazione sia completata. C’è un problema: i gigabyte gratuiti a disposizione sullo spazio cloud Apple sono solamente 5, e sicuramente non basteranno per tutte le vostre foto e video. Per fortuna non è un servizio molto costoso. Con poco più di un euro al mese potreste portare il vostro spazio in iCloud a oltre 50GB. Oppure usare una soluzione gratuita: Flickr offre oltre un gigabyte.

Storage esterno

Come abbiamo detto su iPhone non possiamo inserire direttamente una microSD per incrementare lo spazio d’archiviazione, però esistono  delle soluzioni per collegare uno storage esterno. Parliamo di una pennetta USB. Ne esistono di vari modelli, forme e prezzi. Leef iAccess per esempio, costa poco meno di 50 euro. Si tratta di una microSD che può essere collegata alla porta Lightning dell’iPhone. Ha un’opzione per salvare direttamente le foto scattate all’interno della sua memoria senza passare dallo spazio d’archiviazione del telefono, permettendo di sopravvivere anche con un iPhone da 16GB.

Per evitare di tenere continuamente attaccato un accessorio all’iPhone potremo pensare a uno storage esterno da collegare wireless. Per esempio come il Western Digital MyPassport Wireless. Una soluzione che offre 2 terabyte di spazio. E permette di eseguire backup di foto, video e documenti. Unica pecca? Il prezzo. Costa poco meno di 150 euro e certamente non è comodo da portare in tasca. Più alla portata di tutti il Ravpower Filehub, che ha meno spazio d’archiviazione ma costa anche solo 30 euro. E inoltre fa da caricatore portatile e da Hotspot Wi-Fi.

Ti raccomandiamo