caricmento-pagine-web Fonte foto: Shutterstock
APP

Come velocizzare il caricamento delle pagine web

Secondo uno studio americano, per accelerare l'apertura di una pagina su internet sarebbe sufficiente aumentare le dimensioni di un'immagine

Pop-up, inserzioni pubblicitarie, video che partono in automatico, sono alcuni degli elementi che ritardano l’apertura di una pagina web. Indipendentemente dalla velocità di connessione. Cosa fare? Un gruppo di scienziati americani forse ha trovato un modo per risolvere il problema.

Secondo i ricercatori della McCormick School of Engineering, per accelerare il caricamento di una pagina web sarebbe sufficiente aumentare le dimensioni del testo e soprattutto delle immagini. Un trucco semplice che sembrerebbe però funzionare. La ragione, stando agli studi del team di esperti, sarebbe da ricondurre al fatto che una foto più grande spingerebbe verso il basso, e soprattutto fuori dall’area della pagina web, tutte le altre immagini più piccole. In questo modo, sempre secondo il gruppo di scienziati, i dati da caricare per un sito sarebbero di meno e di conseguenza l’apertura di una pagina su internet sarebbe più rapida.

ScaleUp, l’app che velocizza l’apertura delle pagine web

Sarebbe sufficiente quindi aumentare le dimensioni di un’immagine per velocizzare una pagina web? Non proprio. O almeno non lo si potrebbe fare manualmente. I ricercatori, infatti, partendo da questa “scoperta”, hanno sviluppato un’estensione per il browser Google Chrome. Particolarmente utile, sostengono gli studiosi, per rendere il caricamento di una pagina web più rapido. ScaleUp, questo il nome dell’add-in, adatta il layout delle pagine in base alla velocità della connessione internet.

ScaleUp, agisce non solo sulle dimensioni delle immagini, ma anche sui testi. Secondo i ricercatori, alcuni font, soprattutto quelli più “ricercati”, ritardano l’apertura di una pagina web. L’estensione in automatico li sostituisce con dei caratteri più semplici e meno pesanti per il browser da caricare. Funzionerà davvero? Non resta che provare.

Ti raccomandiamo