SMART EVOLUTION

Computer tascabile con Windows 10, dall’Olanda arriva Sirius A

Il dispositivo ha le dimensioni di un phablet, ma monta tutte le porte che solitamente trovano spazio in un personal computer. Molto duttile, in vendita da maggio 2017

Da tempo diversi produttori di smartphone stanno tentando di realizzare smartphone con Windows 10 “a bordo” capaci di contrastare lo strapotere del duo Android-iOS. L’ultima in ordine di tempo è la statunitense HP, ma gli utenti non hanno mai dimostrato molto interesse riguardo questi “esperimenti”.

Forse avrà maggior fortuna Sirius A, un dispositivo mobile realizzato dalla startup olandese Ockel che prova a creare un ibrido tra computer e smartphone. Se i laptop ibridi 2-in-1 (computer portatili con schermo touch e utilizzabili anche a mo’ di tablet) sono ormai la norma e sul mercato se ne trovano a decine, l’idea della società dei Paesi Bassi è per alcuni versi rivoluzionaria. Ed è questo, forse, il suo peggior Tallone d’Achille: il Sirius A dovrà “creare” un mercato, cercando di creare interesse negli utenti. Un compito tutt’altro che semplice, vista la sovrabbondanza di modelli di smartphone oggi disponibili.

Come uno smartphone

A leggere le specifiche tecniche si ha subito l’idea di avere a che fare con uno smartphone di fascia medio-alta. Il dispaly da 6 pollici FullHD (risoluzione 1920×1080 pixel) è “incastonato” in un corpo da alluminio che, all’occorrenza, funge anche da dissipatore per il calore sviluppato dal mini-sistema informatico. All’interno troviamo un SoC Intel Atom quadcore, 4 gigabyte di RAM, spazio di archiviazione da 64 gigabyte (espandibile con scheda microSD), batteria da 3.000 mAh, giroscopio, accelerometro, GPS, Wi-Fi e Bluetooth. A far girare tutto troviamo Windows 10 Home a 64 bit in versione completa: una scelta che rende il computer tascabile estremamente versatile e utilizzabile sia per lavorare, sia per lo streaming di contenuti dalla Rete, sia per il gaming.

Porte Sirius A
Le porte presenti sul lato del Sirius A

Le peculiarità del Sirius A, però, non stanno tanto nelle sue componenti hardware interne, quanto sulle porte che si trovano su uno dei lati: due porte USB 3.0, una porta USB type-C, una porta Ethernet, una porta HDMI, una DisplayPort e un ingresso per collegare un alimentatore esterno da 12 Volt. Insomma, più o meno la dotazione di un notebook come tanti se ne trovano nei negozi di elettronica di consumo e informatica. Buono anche il lavoro svolto a livello di design: il lato più alto del computer tascabile (quello dove sono presenti le porte) misura circa 2 centimetri, che vanno a scemare verso i circa 6 millimetri del lato più basso. L’unica nota stonata, almeno sulla carta, sta nella durata della batteria: secondo i produttori un utilizzo medio porta il dispositivo a scaricarsi in circa 3 ore.

Sirius AFonte foto: Ockel
Sirius A

Il Sirius A è, al momento, alla ricerca di finanziamenti sulla piattaforma di crowdfunding IndieGoGo: i fondi richiesti (100.000 dollari) sono stati raccolti nel primo giorno di campagna, ma gli utenti possono continuare a contribuire fino al 10 novembre 2016. Dalla campagna, inoltre, si può evincere anche il prezzo di listino del Sirius A: 699 dollari, una cifra in linea con quella degli altri dispositivi della stessa fascia prestazionale.

 

(il video in apertura è tratto da Vimeo)

Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.

Ti raccomandiamo