droni-piume Fonte foto: Shutterstock
TECH NEWS

Dalla Svizzera arriva il drone che assomiglia a un uccello

Come un vero uccello, il velivolo è in grado di compiere voli veloci e di cambiare direzione con agilità, grazie soprattutto alle due ali leggere e flessibili

In Svizzera i ricercatori del LIS, acronimo di Laboratory for Intelligence System, hanno sviluppato una nuova tipologia di drone, ancora poco comune tra questi velivoli robotizzati. Il dispositivo somiglia, e non solo per quanto riguarda l’aspetto estetico, a un vero uccello.

Ciò che fa di questo drone qualcosa di unico nel suo genere, a differenza dei quadricotteri tradizionali, è soprattutto la sua capacità di adattarsi, come un normale pennuto, alle diverse condizioni del vento. Il velivolo, infatti, è in grado di compiere voli veloci e di cambiare direzione con agilità. Al centro di questa nuova creatura dei cieli robotizzata ci sono due ali flessibili, alle cui estremità sono posizionate quelle che sembrano delle piume. Le due braccia meccaniche, realizzate con materiali leggeri, si muovono e cambiano forma a seconda delle situazioni che il “volatile” di LIS si trova ad affrontare in volo.

Le piume si adattano al vento

A ispirare i ricercatori del LIS, nella realizzazione di questo innovativo drone, sarebbe stato proprio il comportamento in volo degli uccelli. Il dispositivo hi-tech, che potrebbe far da apripista alla futura generazione di droni, è in grado di operare anche in situazioni estreme, dove i normali quadricotteri non riuscirebbero a volare. Le ali, infatti, composte, secondo quanto affermano quelli del LIS, in fibra di vetro, sono capaci di ritrarsi in modo da migliorare l’aerodinamica del drone. Esattamente come farebbe un vero uccello.

Possibili impieghi

Secondo gli autori del piccolo ma sorprendente dispositivo volante, il drone potrebbe essere impiegato soprattutto a basse quote, dove normalmente la velocità del vento tende a cambiare rapidamente. È indubbio che questa nuova tecnologia rappresenti una novità per questo settore che ormai, come dimostrano i numerosi droni realizzati, è in continua crescita. Finora, però, per quanto rivoluzionari, i quadricotteri hanno avuto un sistema di volo più o meno statico. Ora, con l’idea del LIS, la situazione potrebbe presto cambiare.

Ti raccomandiamo