auto-fiat Fonte foto: bibiphoto / Shutterstock.com
PMI E INDUSTRIA 4.0

Fiat 4.0: a Cassino sbarca la fabbrica digitale

A Cassino Fiat sperimenterà i primi progetti di Industria 4.0: sulla catena di montaggio verranno montati dei monitor touchscreen per segnalare anomalie

Il mondo delle automobili è in costante rivoluzione. Non parliamo solo dei prototipi con pilota automatico, volanti o delle alternative ibride ma soprattutto dell’implemento dell’alta tecnologia a bordo. In Italia, in questa ottica, la realtà più importante è rappresentata dalla partnership tra Fiat, Alfa Romeo e Samsung.

Anche l’Italia, dunque, si sta lanciando verso la cosiddetta Industria 4.0. Ovvero un nuovo modo di produrre sfruttando gli strumenti offerti dalla tencologia. La collaborazione tra Fiat e Samsung permetterà agli operai una migliore qualità del lavoro. Questi sistemi offriranno una maggiore efficienza, che si tradurrà chiaramente in un prodotto qualitativamente superiore per l’utente finale. Va ricordato inoltre che l’Industria 4.0 prevede che ogni passaggio interno all’azienda sia ecosostenibile. La base scelta per questo esperimento è lo stabilimento di Cassino, in provincia di Frosinone.

Tecnologia e auto

Cassino rappresenta per il settore automobilistico italiano un punto di riferimento. Da sempre lo stabilimento è andato a braccetto con la tecnologia. Negli ultimi mesi il vero fiore all’occhiello è stata la Giulia realizzata nel 2016 a Cassino. Un’automobile di nuova generazione con uno dei più innovativi sistemi di sicurezza e con la presenza del più evoluto sistema di infotainment. Le stesse tecnologia che Alfa Romeo ha riproposto sul SUV Stelvio. L’obiettivo di Alfa Romeo con la nuova partnership con Samsung non è quello di tagliare i costi di produzione sostituendo gli operai con i robot ma piuttosto di rendere più efficiente per i dipendenti il lavoro in fabbrica. Per questo motivo avverrà a Cassino, e sta già avvenendo, una digitalizzazione dei sistemi produttivi. Per questo sono stati integrati dei dispositivi di visualizzazione come dei monitor Samsung ad alta luminosità lungo la linea di produzione ma anche eBoard touchscreen in alcuni punti strategici sui quali viene mostrato l’andamento della produzione.

Samsung

Samsung ha inoltre dotato tutti gli operai di uno smartphone e di uno smartwatch che servono per incrementare l’efficienza lavorativa e per monitorare varie anomalie e problemi durante la produzione. La soluzione pensata si chiama Samsung Knox, un sistema personalizzabile ed in grado di garantire la totale sicurezza dei dati presenti sul terminale anche in caso di attacco informatico o di anomalie.

Ti raccomandiamo