salute-google Fonte foto: Shutterstock
TECH NEWS

Google cerca la cura per tutte le malattie e 10.000 volontari

Verely, azienda di Alphabet, è alla ricerca di 10.000 volontari per portare avanti alcuni studi sulla salute delle persone. L'obiettivo è raccogliere molti dati

20 Aprile 2017 - Come Microsoft e il suo programma per curare il cancro, anche Google è seriamente intenzionata a sviluppare una tecnologia per la ricerca scientifica. Verily, un’azienda che fa parte del gruppo Alphabet, nei prossimi anni cercherà di trovare una cura contro molte malattie.

La consociata di Google, specializzata proprio in soluzioni tecnologiche per capire e migliorare la salute, ha lanciato infatti una campagna di reclutamento volta a trovare 10 mila pazienti per portare avanti il suo lungo studio. Baseline Project, questo il nome della ricerca, punterà ad analizzare negli anni, combinando tecnologia e medicina, la salute dei volontari. L’obiettivo finale è sfruttare questi dati, accumulati nel tempo, per comprendere l’origine di molte patologie e prevenirle. Il team di ricercatori spera così di trovare un modo per sconfiggere il cancro o altre terribili malattie, come il diabete o quelle cardiache.

I dati come arma per combattere il cancro

Il progetto di Google e Verily sarà realizzato in collaborazione con la Duke University School of Medicine e la Stanford Medicine. Tutto ruoterà attorno alla raccolta di dati. I partecipanti verranno monitorati attraverso l’utilizzo di sensori indossabili, smartwatch e sistemi in grado di monitorare il battito cardiaco, e dovranno sottoporsi periodicamente a esami strumentali, che prevedono radiografie e scan al cuore. E non solo. Sarà analizzata anche la qualità del sonno di ogni volontario. I pazienti dovranno sottoporsi anche a esami del sangue, della saliva e del proprio DNA, quest’ultimo utilizzato spesso per scoprire l’insorgere del cancro. Come detto, lo studio durerà molti anni. Ogni partecipante sarà monitorato per 4 anni. Come sostiene anche Chris Dancy, l’uomo più connesso del mondo, i dati in futuro potrebbero salvare molte vite umane.

Ti raccomandiamo