cafex Fonte foto: Cafèx
SMART EVOLUTION

Gordon, il robot che fa il caffè e sostituisce i baristi

Sviluppato dalla startup Cafe X, il dispositivo è in grado di preparare una tazza di caffè prendendo direttamente gli ordini dai clienti. Sostituirà gli umani?

I bracci robotizzati non sono certo una novità nel mondo del lavoro. Sono infatti impiegati da anni, soprattutto nell’industria dell’automobile. Ed è proprio da una visita alla sede della Volkswagen di Wolfsburg che a un gruppo di ragazzi è venuta l’idea di utilizzarli anche per fare il caffè.

La startup Cafe X ha infatti realizzato un braccio meccanico intelligente che è in grado di preparare una buona tazza della bevanda più amata dagli italiani. Si tratta, come detto, di un robot capace anche di prendere gli ordini dei clienti. Dunque una sorta di barman a tutti gli effetti con il vantaggio che, secondo quanto sostiene la piccola azienda che ha sviluppato la macchina smart, è molto più efficiente. Il robot, infatti, può produrre dalle 100 alle 120 tazzine di caffè ogni ora. Non c’è neanche il rischio che il braccio commetta uno degli errori più comuni in cui i normali barman incappano: confondere un ordine con un altro.

Come funziona il braccio meccanico che fa il caffè

(Tratto da Facebook)

Gordon, questo il nome che la startup ha dato al braccio meccanico smart, è quindi un robot che un giorno potrebbe lavorare nei bar fianco a fianco con gli esseri umani. Il dispositivo ha anche altre interessanti caratteristiche. Uno dei compiti più odiati per un barman è quello di lavare a fine giornata la macchina del caffè. Il robot è invece in grado di pulirsi quasi in perfetta autonomia. Ma come funziona? Per bere una delle buone tazze di caffè preparate da Gordon non c’è bisogno di urlare: “ cameriere, un caffè per favore?”. Sarà sufficiente infatti fare l’ordine tramite l’apposita applicazione messa a disposizione da Cafe X. In alternativa, è possibile usare i display touch montati direttamente sulla macchina del caffè intelligente.

Un caffè di qualità

Non è la prima volta che la startup cerca di costruire un barman meccanico. Nel 2013 infatti l’azienda ha sviluppato anche una sorta di chiosco automatizzato. Gordon, però, è un dispositivo che è anche bello da vedere mentre è all’opera. Il braccio meccanico intelligente è pure attento alla qualità del prodotto. Come un normale barman adatta il caffè alla temperatura e all’umidità. Inoltre, il dispositivo ha a disposizione diverse miscele di caffè fornite dai produttori locali. Una domanda a questo punto sorge spontanea: sostituirà completamente i comuni e imperfetti esseri umani? Secondo la startup, la riposta è no. I clienti avranno sempre bisogno di un dipende di Cafe X che spieghi loro il funzionamento del braccio meccanico.

Gordon però ha un difetto: per adesso il barman robotizzato è disponibile, infatti, solo in due location: San Francisco e Hong Hong.

Ti raccomandiamo