snapdragon-660 Fonte foto: Matthew Corley / Shutterstock.com
ANDROID

I nuovi smartphone sono per giocare, parola di Qualcomm

Gli smartphone dei prossimi mesi potranno montare lo Snapdragon 660 e lo Snapdragon 630, due chipset pensati per il gaming grazie al supporto alle API Vulkan

9 Maggio 2017 - Al grande pubblico il suo nome dirà sicuramente poco, nonostante la maggior parte degli smartphone utilizzi i suoi prodotti. Qualcomm è una delle aziende leader nella costruzione di processori che, come è noto, costituiscono l’elemento hardware più importante dei dispositivi mobili.

Qualcomm significa soprattutto Snapdragon. E il SoC, parola che sta per system on chip, negli anni ha raggiunto livelli, in termini di prestazioni, altissimi. Non è un caso che gli ultimi processori dell’azienda americana siano montati sui nuovi top di gamma. E i chip di Qualcomm continuano a evolversi. Infatti, la società statunitense ha appena annunciato due nuove piattaforme mobili pensate per gli smartphone del futuro. Le piattaforme, che includeranno i processori Snapdragon 660 e Snapdragon 630, permetteranno di migliorare le prestazioni generali dei device: batteria, connessione LTE, esperienze fotografiche e di gaming.

I nuovi chipset Snapdragon

Le piattaforme mobili di Qualcomm includeranno molte componenti hardware e software, tra cui figurano la radiofrequenza front end, l’integrazione del Wi-Fi, i codec audio e dell’altoparlante, e la gestione dell’alimentazione. I chipset Snapdragon 660 e Snapdragon 630 garantiranno una qualità dell’immagine avanzata, che sarà migliorata su più fronti.

L’architettura del SoC non viene stravolta e resta a 14 nanometri, ma vengono potenziate le funzionalità del chipset. Lo Snapdragon 660 e lo Snapdragon 630 supportano la riproduzione dei video a 4K, le API Vulkan e 8GB di RAM. Inoltre, lo Snapdragon 660 permetterà anche l’utilizzo dei display con risoluzione 2K. Sotto il punto di vista dei consumi della batteria, Qualcomm ha migliorato ancora di più il risparmio energetico. Caratteristiche che permettono allo Snapdragon 660 e allo Snapdragon 630 di essere due chipset pensati appositamente per il gaming.

I due SoC dell’azienda di San Diego supportano la Quick Charge 4, la nuova tecnologia di Qualcomm che permette di avere un’autonomia di 5 ore con solo 5 minuti di ricarica.

 

Ti raccomandiamo