iCub Fonte foto: Flickr
TECH NEWS

I robot aiutano a comprendere lo sviluppo dell'apprendimento umano

I ricercatori hanno svolto il test prima su un gruppo di bambini e dopo iCub, una macchina AI: entrambi utilizzano il processo di mutua esclusione

A volte l’intelligenza artificiale può essere utilizzata per capire il funzionamento del cervello umano. Secondo un esperimento, i bambini durante i primi anni di vita applicherebbero lo stesso meccanismo associativo usato dai robot per imparare nuove parole.

È quanto emerge da uno studio condotto su un gruppo di bambini di due anni e mezzo ai quali è stato chiesto di individuare un giocattolo tra quelli proposti, tra cui figurava anche un oggetto poco familiare per i fanciulli. Lo scopo di questo test è molto semplice: portare i bambini a imparare il nome del giocattolo sconosciuto utilizzando la tecnica di mutua esclusione. Secondo questo procedimento psicologico (ma soprattutto informatico) a eliminazione, i bambini ricorrerebbero alle informazioni contenute in memoria per etichettare un nuovo oggetto. Un po’ dunque come i robot AI basati sui sistemi di deep learning.

L’esperimento effettuato con iCub

Ai bambini sono stati dati tre giocattoli: uno marrone, uno giallo e uno arancione. Riguardo ai primi due, il gruppo con molta probabilità già conosceva quale tipologia di animale corrispondeva a ciascun colore. Successivamente, i ricercatori hanno chiesto ai bambini di individuare la giraffa. I fanciulli, applicando la tecnica della mutua esclusione, sono riusciti a capire che la giraffa era l’oggetto arancione.

Dopo aver svolto questo test, il team di studio ha svolto lo stesso esperimento su iCub, un robot AI grande quanto un bambino. Il sistema di intelligenza artificiale è in grado di riconoscere fino a 12 oggetti. Sorprendentemente, anche la macchina è riuscita a individuare il giocattolo sconosciuto, applicando lo stesso meccanismo a eliminazione usato dal gruppo umano.

Questo dimostra, secondo gli autori dell’esperimento, una cosa: nei primi anni di vita il cervello umano per imparare applica lo stesso semplice procedimento associativo dei robot.

Ti raccomandiamo