hacker Fonte foto: Shutterstock
SICUREZZA INFORMATICA

Kaspersky Lab avvisa: il 70% delle persone teme gli hacker

Secondo Kaspersky Lab il 70% degli utenti ha subito nell'ultimo anno un tentativo di violazione dell'account. Cosa fare per proteggersi? Ecco alcuni consigli

Cresce tra gli utenti, soprattutto a causa dei continui attacchi hacker, la paura che i propri dati possano finire nelle mani di cyber criminali senza scrupoli. Lo conferma un sondaggio di Kaspersky Lab, nota azienda specializzata in soluzioni per la sicurezza informatica.

Secondo l’indagine, infatti, il 70% delle persone intervistate ha dichiarato di temere una violazione degli account. Una preoccupazione fondata, come dimostrano le cronache. Uno su cinque ha affermato inoltre, stando ai dati forniti dallo studio di Kaspersky Lab, di aver subito nell’ultimo anno almeno un tentativo di intrusione da parte dei pirati informatici. Al secondo posto invece, tra le paure degli utenti, si collocano i malware che si appropriano delle password. Invece, una cospicua fetta degli internauti considera in pericolo gli account che contengono informazioni finanziare. Le persone intervistate dalla società esperta in cyber security temono soprattutto per le proprie password.

Il 40% degli hacker scopre la password

Hacker digita tastiera di un laptopFonte foto: Shutterstock
Non è necessario essere un tecnico informatico per mettersi al riparo dagli hacker. Scopri alcuni suggerimenti facili e immediati

Uno dei metodi principali per proteggersi dagli hacker è scegliere una password sufficientemente sicura. E non tutti, come confermano alcuni recenti studi, lo fanno. Una parte degli utenti, infatti, usa delle chiavi di sicurezza semplici e facili da indovinare. Ad esempio, secondo un’indagine, 123456 è una delle password più adoperate. Nel sondaggio di Kaspersky Lab è emerso che nel 40% dei casi i cyber criminali hanno violato gli account delle vittime semplicemente indovinando la password. E questo dovrebbe farci riflettere. Poi ci sono quelli – la maggior parte – che tendono a utilizzare sempre le stesse chiavi di accesso. Questo significa che in caso di violazione di un profilo, anche altri account sarebbero in pericolo.

Proteggersi con i password manager

Le minacce, dunque, sono sempre dietro l’angolo. Cosa possiamo fare per difenderci? L’ideale sarebbe non utilizzare sempre la stessa password. Qualcuno però avverte che ricorrere a più chiavi di sicurezza spinge le persone a usare password più semplici da ricordare. Una soluzione potrebbero essere i password manager, software che generano chiavi di accesso multiple. Le password create da questi programmi sono poi custodite in totale sicurezza. Non ci sarà quindi più bisogno di memorizzarle. Ci sono diversi password manager, tra cui troviamo anche quello di Kaspersky Lab che, secondo l’azienda, aggiunge alla funzioni standard altri servizi innovati.

Il Kaspersky Password Manager

Il Kaspersky Password Manager permette agli utenti anche di importare le chiavi di accesso contenute in altri software simili. Il programma crea password sicure per PC e Mac e consente di gestirle in remoto tramite la pagina personale “My Kaspersky”. Il sistema della società fondata nel 1997 verifica, inoltre, che le password scelte siano abbastanza sicure e rende la ricerca delle chiavi di accesso veloce grazie al controllo vocale. Per gli utenti del nuovo MacBook Pro l’applicazione dà pure la possibilità di usare l’impronta digitale al posto della password.

Ti raccomandiamo