lily-drone-selfie Fonte foto: Lily
SMART EVOLUTION

Lily, il drone per selfie da 34 milioni di dollari chiude i battenti

Lily, il drone pensato per scattare selfie, non è riuscito a trovare i finanziamenti per la produzione e adesso è costretto a rimborsare i clienti

14 Gennaio 2017 - Lily, forse, è “volato” troppo in alto con il suo progetto da ben 34 milioni di dollari ricevuti tramite un’operazione di crowdfunding di gradissimo successo nel 2015 e adesso si è schiantato contro la realtà. L’idea, però, era carina: un drone in grado di schivare da solo qualsiasi ostacolo pur di scattare una foto del pilota.

Il segreto di Lily erano una serie di funzioni davvero innovative per il 2015. La guida autonoma, innanzitutto, la semplicità d’uso e l’ottimo design, oltre alla funzione “follow me che, tradotta in pratica, era la capacità di seguire come un segugio volante un soggetto che indossava un orologio speciale – un dispositivo di tracking – e non perderlo di vista prima di averlo fotografato o filmato. Il produttore di Lily, nonostante l’enorme cifra di denaro raccolta da oltre 60mila persone, non è riuscita a finanziare la produzione su larga scala. E dopo numerosi rinvii, il progetto è rovinosamente precipitato al suolo.

Caratteristiche tecniche Lily, drone autonomo per selfie

Lily aveva convinto utenti e addetti del settore. Il quadricottero, dal punto di vista tecnico, era dotato di una videocamera Full HD in grado di registrare video a 60 frame per secondo con una risoluzione di 1080p, ma anche di girare filmati nell’affascinante modalità slow motion a 120 FPS con risoluzione di 720p. Le foto, scattate tramite un comando in remoto, garantivano immagini a una risoluzione di 12 Megapixel. Lily era disponibile in preordine al prezzo di 499 dollari. Un prezzo tutto sommato conveniente per questo gioiellino così all’avanguardia.

(tratto da YouTube)

Come chiedere il rimborso per il drone Lily

Lily, stando a un comunicato pubblicato sul sito del produttore, offrirà un rimborso ai clienti che, nel corso dei prossimi 60 giorni, compileranno un apposito form. Sempre che riescano a racimolare sufficiente denaro per rimborsare tutti. Il che non è affatto certo.

Premi sull'immagine per scoprire Nimbus, il drone da corsa che sfreccia a 200 chilometri orari
Premi sull’immagine per scoprire Nimbus, il drone da corsa che sfreccia a 200 chilometri orari

 

Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_video@libero.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.

Ti raccomandiamo