SICUREZZA INFORMATICA

L'Italia è il secondo paese europeo più colpito dal malware a marzo

L'Italia continua a essere assediata dalla morsa del malware e la sua ascesa nella classifica dei paesi maggiormente presi di mira non accenna a fermarsi

23 Aprile 2017 - Un marzo all’insegna del malware, secondo le ultime stime diffuse da Check Point. Ma c’è un altro pericolo a preoccupare gli addetti ai lavori ed è il ritorno in grande stile degli “exploit” sempre più usati dai cybercriminali. Gli exploit sono progettati per scoprire e sfruttare le vulnerabilità sui dispositivi con l’obiettivo di scaricare ed eseguire codice malevolo.

Le principali minacce che, in questo momento, stanno flagellando il nostro Paese sono Conficker, un warm che attacca i sistemi operativi Windows, seguito da Nivdort, una famiglia di trojan che predilige la piattaforma Microsoft e Cryptoload, un trojan-downloader usato per diffondere ransomware sui dispositivi infettatiSembravano in declino, dopo la scomparsa delle varianti Angler e Nuclear, ma Rig EK è tornato in azione con una potenza di fuoco talmente imponente che si è addirittura guadagnato il secondo posto nel Global Threat Impact Index di marzo.

I tre malware più nefasti di marzo

Le due principali novità del mese di marzo sono, quindi, la scalata della classifica dell’Italia ai vertici dei paesi europei più colpiti dai malware. Un primato di cui avremmo fatto volentieri a meno, e il ritorno della tecnica dell’exploit con Rig EK. A cui possiamo aggiungere che la minaccia dei ransomware non mostra alcun segno di cedimento. Se ampliamo la visuale a livello mondiale, le tre famiglie di malware più diffuse a marzo sono state HackerDefender e Rig EK che hanno colpito ciascuno il 5% delle organizzazioni, seguiti a stretto giro di ruota da Conficker che ha colpito il 4% delle aziende.

Anche i dispositivi portatili presi di mira

La situazione non è delle migliori nel settore dei dispositivi portatili. Hiddad e Hummingbad, entrambi malware Android presenti rispettivamente nelle prime due posizioni, restano a guidare la classifica a livello mondiale. Marzo, però, fa registrare – secondo i dati resi noti da Check Point – una “new entry” al terzo posto: Ztorg, un trojan che usa i privilegi di root per scaricare e installare applicazioni sul telefono cellulare all’insaputa dell’utente.

Ti raccomandiamo