microsoft Fonte foto: Shutterstock
TECH NEWS

Microsoft apre all’open source ed entra nella Linux Foundation

Passo significativo per Microsoft che diventa Platinum member e sborsando 500 mila dollari annui siederà al consiglio d’amministrazione della Fondazione Linux

Microsoft e Linux un tempo erano visti come due mondi opposti. Erano quasi scelte di vita piuttosto che semplici opzioni informatiche. Qualcosa però sta cambiando. Tanto che Microsoft ha da poco annunciato che entrerà a far parte della Linux Foundation come un Platinum member.

Il nuovo legame tra Microsoft e Linux. Microsoft può sembrare la multinazionale che mangia tutti i pesci piccoli presenti nel mare, e infatti la realtà non si distacca molto da questa visione. Però negli ultimi tempi l’azienda ha intrapreso un percorso di sponsorizzazione verso le società che offrono servizi open-source. E attualmente è tra i più grandi finanziatori mondiali. Anche se non va dimenticato che nel 2001 l’allora CEO di Microsoft Steve Ballmer definì Linux come un “cancro”. Ora i rapporti tra le due realtà sembrano molto diverse e lo confermano i soldi spesi da Microsoft per diventare Platinum member: 500 mila dollari annui.

I progetti sviluppati insieme

La notizia può spiazzare ma negli ultimi tempi in realtà Microsoft aveva già collaborato a diversi progetti relativi alla Linux Foundation. Per esempio Node.js Foundation, OpenDaylight, Open Container Initiative, oppure R Consortium e Open API Initiative. Da ora dunque John Goosman, architetto del team Microsoft Azure, siederà all’interno del consiglio d’amministrazione della Linux Foundation e ovviamente dirà la sua negli investimenti della stessa. Scott Guthrie, Vice President di Microsoft Cloud ed Enterprise Executive, ha commentato: “Linux Foundation è la casa non solo di Linux, ma anche dei progetti più innovativi della comunità open-source. Siamo entusiasti di aderire alla Linux Foundation”. E anche Kim Zemlin, il direttore della Fondazione, ha definito Microsoft come un’azienda maturata sotto il profilo dei servizi open-source. Tra le altre realtà che fanno parte della Foundation di Linux come Platinum member ci sono anche: Cisco, Fujitsu, HPE, Huawei, IBM, Intel, NEC, Oracle, Qualcomm and Samsung. Mentre Google e Facebook sono Gold sponsor.

Ti raccomandiamo