TECH NEWS

Il telefonino Nokia da 25 euro e con la batteria che dura un mese. Foto

Non sarà uno smartphone a segnare il ritorno di Nokia ma un semplice cellulare. Il dispositivo costerà appena 26 dollari e sarà lanciato durante i primi mesi del 2017

Nokia è tornata sul mercato. Ufficialmente. Il produttore finlandese ha appena presentato il suo primo nuovo telefonino. Il dispositivo è stato realizzato in collaborazione con HMD Global e avrà uno schermo da 2.4 pollici, una tastiera e anche la radio FM.

Non uno smartphone, ma un telefonino alla vecchia maniera. Nokia 150, questo il nome del device, ricorda, infatti, alcuni dei primi cellulari realizzati dall’azienda di Espoo. Cellulari che, prima dell’avvento degli smartphone, non avevano rivali. Nokia per diversi anni è stata, infatti, simbolo di affidabilità: i suoi prodotti erano praticamente indistruttibili. Poi è arrivato l’iPhone e tutto è cambiato. A nulla è servita la partnership con Microsoft, il produttore finlandese è stato alla fine costretto a ritirarsi. Con questo nuovo dispositivo Nokia dunque riappare in scena, anche se l’evento che segnerà il gran ritorno sarà indubbiamente il Mobile World Congress di Barcellona.

Caratteristiche del Nokia 150

(Tratto da YouTube)

In attesa di svelare i suoi primi smartphone dopo quasi un anno di inattività, Nokia presenta quindi il Nokia 150, un dispositivo che serve principalmente per telefonare e mandare qualche SMS. Diamo ora un’occhiata alle caratteristiche tecniche del cellulare. Per quanto riguarda le funzionalità multimediali, il Nokia 150, oltre alla radio FM, possiede anche una fotocamera basica (come i primi cellulari di seconda generazione) e un player MP3. Il dispositivo integra anche la connessione Bluetooth e lo slot per la MicroSD. Il vero punto di forza è però la batteria che in stand-by è in grado di durare fino un mese. Altro che smartphone. Ed è anche prevista una versione dual-sim. Per chi fosse interessato, il Nokia 150 sarà messo in vendita al prezzo di 26 dollari (circa 25 euro) a partire dai primi mesi del 2017 e sarà disponibile in Asia, Europa e Medio Oriente.

Ti raccomandiamo