nubia-z17 Fonte foto: Web
ANDROID

Nubia Z17, primo smartphone al mondo a ricaricarsi in 5 minuti

Nubia ha annunciato che il suo prossimo top di gamma sarà dotato della tecnologia Quick Charge 4.0: i tempi di ricarica saranno inferiori del 20%

25 Maggio 2017 - La ricarica superveloce di Qualcomm, la famosa Quick Charge 4.0, è stata presentata lo scorso novembre e subito ha sorpreso tutti. Infatti, permette una ricarica del device al 50% in soli cinque minuti. Per molti la tecnologia sarebbe stata a bordo del Samsung Galaxy S8, invece sarà il Nubia Z17 il primo ad averla.

La nuova tecnologia per la ricarica rapida è stata introdotta da Qualcomm insieme al processore di ultima generazione Snapdragon 835. All’inizio le due novità dovevano essere presenti in abbinata nei principali top di gamma, ma così non è stato. Il chipset è già presente su Samsung Galaxy S8 e Xiaomi Mi 6. La Quick Charge 4.0, invece, per il momento non si era ancora mai vista su nessuno smartphone. Per molti a causa dei problemi sorti alle batterie degli smartphone nell’ultimo periodo, che hanno reso i produttori molto più diffidenti. Ora però l’azienda cinese ha rotto gli indugi e fornirà il Nubia Z17 con questa particolare tecnologia.

Caratteristiche Nubia Z17

Al momento il Galaxy S8 è caratterizzato da una ricarica rapida Quick Charge 2.0 a 15W, mentre il Mi 6 ha una Quick Charge 3.0 da 16W. Il prossimo top di gamma Nubia invece avrà, come detto, la Quick Charge 4.0 in abbinata al processore Snapdragon 835, sempre di Qualcomm. L’annuncio è arrivato direttamente dalla stessa azienda cinese. Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche, la ricarica ultra rapida 4.0 non è solo più veloce, ma è stata progettata per essere più efficiente e lavorare a temperature molto inferiori rispetto alle tecnologie precedenti. Rispetto a Quick Charge 3.0, Quick Charge 4.0 è del 20% più veloce e del 30% più efficiente, visto che durante la ricarica lo smartphone raggiunge temperature inferiori di cinque gradi. Il Nubia Z17 mostrerà al mondo che le batterie non saranno più il tallone d’Achille degli smartphone.

Ti raccomandiamo