smartphone-mdaglie-olimpiche Fonte foto: Shutterstock
TECH NEWS

Riciclare gli smartphone per fare le medaglie: l’idea di Tokio 2020

Per realizzare le medaglie delle prossime Olimpiadi estive, gli organizzatori vorrebbero utilizzare i metalli recuperati da smartphone inutilizzati

Il Giappone è pronto a stupire. Per le Olimpiadi di Tokio 2020, il comitato organizzatore non sta lasciando nulla al caso: l’obiettivo è organizzare l’evento più tecnologico di sempre. Oltre ai robot che accoglieranno i turisti e gli sportivi al villaggio olimpico, i giapponesi vogliono rendere le Olimpiadi un evento ecosostenibile.

E per farlo sono pronti a lanciare una campagna per raccogliere smartphone vecchi e riciclare il metallo presente nei device per realizzare le oltre 5000 medaglie da dare agli atleti. L’iniziativa sarà presentata nei prossimi giorni, ma è già stata anticipata da alcune persone del comitato olimpico giapponese. L’obiettivo è riuscire a raccogliere abbastanza smartphone da riuscire a coprire la realizzazione della gran parte delle medaglie olimpiche. Dai device è possibile recuperare metalli preziosi come oro, argento, platino e nickel, tutti componenti delle preziose medaglie che gli atleti portano al petto.

Olimpiadi Tokio 2020, le più green della storia

Per invogliare le persone a riciclare il proprio telefonino, il comitato organizzatore sta chiudendo degli accordi con le principali catene commerciali giapponesi per posizionare dei raccoglitori all’interno dei loro negozi. Se il progetto andrà in porto, non sarà necessario acquistare i metalli preziosi, risparmiando diversi milioni di euro. Inoltre, tutto il villaggio olimpico sarà coperto da pannelli fotovoltaici che permetteranno di produrre energia elettrica a impatto zero per l’ambiente. Se il comitato organizzatore riuscirà a portare a termine questi progetti, le Olimpiadi di Tokio 2020 saranno le prime ad essere totalmente ecosostenibili.

Ti raccomandiamo