mc Fonte foto: charnsitr / Shutterstock.com
APP

Ordinare cibo a domicilio, app McDonald's lanciata negli USA

La famosa catena di fast food sta lavorando su una nuova app per ordinare da smartphone ed evitare le file, entro fine anno sarà disponibile in tutto il mondo

16 Marzo 2017 - McDonald’s si sta gettando a capofitto nel difficile mondo delle applicazioni per ordinare cibo a domicilio. Altre grandi catene hanno già provato con risultati altalenanti, come nel caso di Starbucks o di Domino’s Pizza. Riuscirà McDonald’s con la nuova app a snellire la fila e gestire le ordinazioni da smartphone?

Recentemente Starbucks aveva dotato i suoi negozi di apposita app, i clienti potevano ordinare prima di arrivare nel punto vendita direttamente dallo smartphone, entrare senza fare la fila e ritirare i propri caffè o la propria colazione, senza perdere tempo. Questo era il piano. Peccato che nella realtà l’applicazione abbia creato più disagi che benefici. Portando ai negozi fisici solo ulteriori ritardi nelle consegne dei prodotti. McDonald’s ha in mente un progetto simile, sempre focalizzato su un’app per smartphone, per rilanciare i suoi punti vendita e snellire le file.

Come funziona l’applicazione

Da McDonalds’s dicono che migliorare l’applicazione per la consegna del cibo rappresentano sia uno degli obiettivi principali per l’azienda. “Che senso ha che uso lo smartphone se poi devo rifare la fila o mangio le patatine fredde”, ha detto Jim Sappington, vice presidente esecutivo del settore digital di McDonald’s. Per incrementare tutto questo la catena di ristoranti fast food utilizzerà dei sistemi automatizzati per la consegna del cibo e soprattutto realizzerà delle file separate per coloro che prenotano dall’app. La nuova funzione è in fase di test su 29 ristoranti in California. E a breve verrà messa alla prova anche su altri 51 negozi della zona di Washington. Questa fase di test ha l’obiettivo di portare l’app sul mercato, disponibile per i clienti di tutto il mondo, entro la fine di quest’anno.

La soluzione sta in cucina

Per evitare gli errori commessi in altre catene, McDonald’s sta pensando a delle soluzioni low tech per le proprie cucine. Il personale verrà formato  per ottimizzare i tempi di consegna delle ordinazioni fatte da smartphone. Inoltre l’app traccerà la posizione del cliente in modo da far partire un cronometro preciso dal momento dell’ordinazione a quello della consegna. Questo eviterà che il cibo si raffreddi inutilmente abbassando la qualità dell’esperienza dei clienti. Tramite app sarà anche possibile scegliere se pagare direttamente con la carta di credito o in contatti alla cassa. Ma non solo, si potrà decidere se ritirare fisicamente il pranzo, oppure prenderlo tramite McDrive, o ancora scegliere la consegna a domicilio. Secondo le prime indagini questo sistema aumenterebbe l’efficienza soprattutto dei McDrive che al momento negli Stati Uniti rappresentano il 70% degli introiti totali dei ristoranti fisici della famosa catena.

Ti raccomandiamo