pubblica-amministrazione Fonte foto: Shutterstock
PMI E INDUSTRIA 4.0

Pal in ritardo sul digitale, pagano le imprese

Secondo un’indagine basata su dati Istat solo una Pubblica amministrazione locale su tre permette alle PMI di inviare la modulistica online

4 Luglio 2017 - Le PMI e le aziende hanno capito l’importanza della digital transformation e ormai sempre più imprese hanno i propri servizi in Rete. Lo stesso discorso non può essere fatto per la PAL, ovvero le Pubbliche amministrazioni locali. Queste realtà spesso non si trovano sul web.

Due Pubbliche amministrazioni locali su tre non erogano nessun servizio online. A mettere in luce questo serio problema è un’indagine dall’Ufficio studi della CGIA di Mestre. La ricerca è stata condotta grazie ai dati Istat riferiti all’utilizzo delle tecnologie dell’informazione da parte delle PAL italiane. Facendo una percentuale tra tutte le Regioni, le Province, i Comuni e le Comunità montane del Bel Paese solo il 33,8% ha uno sportello web. In pratica solo una ogni tre. Gli enti più in ritardo sono le Province con una media del 27,1%. Si tratta di un vero problema per i cittadini che non hanno la possibilità di iniziare a concludere vari iter per via telematica.

Le PAL e la digitalizzazione

Le comunità montane sono ferme al di sopra del 28%, i comuni si attestano sul 33% mentre le Regioni e le province autonome sfiorano il 60%. “Ogni giorno il settore manifatturiero si avvicina alle sfide dell’Industria 4.0, mentre negli enti locali il deficit tecnologico è disarmante”. Così ha commentato il coordinatore dell’Ufficio studi della CGIA, Paolo Zabeo. Anche perché a livello europeo l’Italia è una delle peggiori nazioni sotto quest’aspetto. Per quanto riguarda i numeri il 93,5% degli enti locali ha un sito Internet. Solo l’85% di questi però permette di visualizzare e acquisire informazioni in Rete in merito a bandi, eventi e provvedimenti. Scende fino al 58% invece il numero degli enti locali che permettono sul web a cittadini e piccole e medie imprese di inviare on line la modulistica.

Quadro degli enti locali italiani

A livello territoriale i Comuni più presenti in rete sono quelli ubicati nella Provincia autonoma di Bolzano, nel Veneto, in Emilia Romagna e in Toscana. In coda, invece, troviamo i Comuni della Liguria (17,4 per cento), della Sicilia (16,8 per cento) e del Molise (14,7 per cento). Va comunque detto che molto lentamente le PAL italiane stanno provando ad aumentare i propri servizi online. Per fare un esempio il dato dei siti istituzionali che permettono di iniziare e completare un iter esclusivamente tramite Internet salito dal 7,6 del 2009 al 33,8 per cento del 2015.

Ti raccomandiamo