gpdpocketlaptop Fonte foto: GPD
TECH NEWS

Pocket, il laptop da sette pollici che si infila in tasca

Supporta sia Windows e sia Ubuntu, il dispositivo di GPD è un computer portatile con display touch IPS da 7 pollici e con tastiera QWERTY

16 Gennaio 2017 - Non solo smartphone pieghevoli, presto potrebbe arrivare anche il primo computer che si infila in tasca. E ancora una volta grazie a un’azienda cinese. GPD infatti è pronta a lanciare un notebook da 7 pollici che gira con Windows 10 e con il sistema operativo open source Ubuntu.

Non un tablet dunque, ma un laptop a tutti gli effetti. Pocket, questo il nome che la casa asiatica ha dato al dispositivo, si rivolge a tutti coloro che cercano un device dalle dimensioni ridotte e che non vogliono rinunciare alle caratteristiche tipiche di un computer. Ad iniziare dalla tastiera QWERTY. Un’assoluta novità se si considera questa categoria di prodotto. E non solo. Il computer tascabile ha infatti delle specifiche tecniche di tutto rispetto che lo avvicinano a pc tradizionali. Secondo quanto afferma il produttore cinese, Pocket integra uno spazio di archiviazione interno da 128 GB e una memoria RAM da 4 gigabyte.

Pocket, caratteristiche interne

Andiamo ora a dare un’occhiata anche alle altre caratteristiche tecniche e interne, cominciando con il display. Pocket monterà uno schermo touch IPS Gorilla Glass 3 da 7 pollici con una risoluzione che, secondo alcune indiscrezioni, dovrebbe essere di 1920 x 1080 pixel. Per quanto riguarda invece il processore, Pocket integrerà un Intel Atom x7-Z8700 Cherry Tail. Continuando con le specifiche interne, il dispositivo avrà una batteria da 7000 mAh e includerà la connessione Bluetooth e Wi-Fi. Pocket supporterà la porta USB standard, quella di tipo C e avrà anche l’ingresso per il jack audio da 3,5 millimetri. In relazione al sistema operativo, come visto, il device tascabile supporterà sia Windows 10 e sia l’OS Linux, Ubuntu 16.04.

Prezzo e data di uscita

Non si sono al momento indicazioni sul prezzo e neanche sulla data di uscita. Come è successo con la console GPD WIN, è molto probabile che anche in questo caso l’azienda cinese sceglierà di lanciare una campagna a febbraio su Indiegogo, uno dei principali siti di crowdfunding.

Ti raccomandiamo