ransmware Fonte foto: Shutterstock
SICUREZZA INFORMATICA

Attenzione ai jackware, i nuovi ransomware pronti a bloccare Internet

Jackware è un nuovo tipo di ransomware pensato per gli oggetti Internet of Things e rappresenta uno dei più grandi pericoli per la sicurezza informatica

Secondi gli esperti ricercatori di ESET i ransomware si stanno evolvendo in una variante detta “jackware”, pensata appositamente per colpire i dispositivi intelligenti. Si tratta in pratica di un sistema ideato per portare gli attacchi ransomware su Internet of Things (IoT).

La vulnerabilità dell’Internet delle cose. Internet of Things è ormai sulla bocca di tutti. Gli oggetti intelligenti sempre connessi stanno provando a rendere la nostra vita più semplice. Su IoT però non mancano i dubbi. La vulnerabilità di questi sistemi è risaputa tanto che il ricercatore Stephen Cobb sostiene che l’utilizzo massiccio di questi dispositivi, unito al crescente fenomeno degli attacchi ransomware, genererà a breve delle pesanti problematiche sulla sicurezza degli utenti. La novità potrebbe essere rappresentata dai jackware, dei ransomware in grado di bloccare i dispositivi IoT. E anche in questo caso viene richiesto un riscatto per sbloccare il dispositivo dal virus.

Gli scopi dei jackware

Mani che digitano sulla tastieraFonte foto: Shutterstock
Clicca sull’immagine per accedere alla gallery con 5 consigli su come difendersi dagli hacker

I jackware oltre che per bloccare dispositivi intelligenti verranno utilizzati per accumulare dati da usare poi in attacchi DDoS. Non ci sono ancora dei numeri certi su questo tipo di attacchi ma Cobb ha dichiarato che sia Fitbit, che Jeep, così come il servizio nazionale dell’acqua in Finlandia hanno subito questi tipi di attacchi durante l’anno scorso. Cobb ha definito i jackware come un pozzo senza fondo per i cyber criminali, visto che i processi per prendere possesso degli oggetti IoT è semplicissimo.

Cosa ferma i cyber criminali?

Antivirus PC e attacchi hackerFonte foto: Shutterstock
Clicca sull’immagine e scopri come difendere i tuoi dispositivi informatici da virus e attacchi hacker

Stando ai ricercatori ESET per ora i jackware non sono un fenomeno molto diffuso proprio perché pochi cyber criminali al momento hanno investito su di essi. Questo significa che manca un “manuale” per riuscire a prendere possesso di questi dispositivi, che seppur vulnerabili, va detto, sono molto vari tra loro e richiedono dunque diverse conoscenze specifiche. La ricercatrice Lysa Myers ha definito i jackware rivolti ai singoli utenti come una bomba a orologeria. In molti, infatti, sarebbero disposti a pagare il riscatto se impossibilitati a compiere dei gesti quotidiani in casa o in auto. C’è dunque da augurarsi che i produttori prendano dei seri provvedimenti per la messa in sicurezza degli oggetti intelligenti prima del loro definitivo sviluppo e uso.

Come difendersi dagli attacchi hacker

Cliccando sui link che seguono, invece, potrete scoprire  suggerimenti, alcuni più tecnici altri più alla portata di tutti, riguardanti la sicurezza informatica e scoprire le tipologie di attacchi più comuni: dagli attacchi DDoS al phishing, passando per le botnet.

Ti raccomandiamo