case-crolli Fonte foto: Comunicato stampa
PMI E INDUSTRIA 4.0

SHBox, i sensori IoT per monitorare i crolli

Sviluppato da un'azienda italiana, SHBox è un dispositivo che misura le condizioni strutturali di un'opera pubblica e segnala possibili anomalie

Sono tante le strutture che in Italia versano in condizioni critiche e che, come dimostrano i recenti casi di cronaca, possono crollare da un momento all’altro. A livello idrogeologico poi il territorio italiano è molto fragile e il mancato rispetto delle norme edilizie aumenta indubbiamente i rischi.

Di conseguenza sarebbe opportuno, soprattutto per quanto riguarda le opere pubbliche, monitorare lo stato di edifici, strade e ponti ed evitare così di andare incontro a tragedie annunciate. Sysdev, un’azienda italiana che da anni lavora nel settore dell’information technology, ha sviluppato un sistema smart che potrebbe aiutare a prevenire i crolli. Si tratta di un dispositivo Internet of Things che permette di monitorare in tempo reale le oscillazioni, i cedimenti strutturali e le variazioni di un edificio, segni fondamentali per capire se l’opera è a rischio collasso. SHBox, questo il nome scelto dalla società per il device, usa dei sensori wireless, una rete per la raccolta dei dati e una piattaforma cloud per la memorizzazione delle informazioni.

Come funziona SHBox

La scatola nera delle infrastrutture, così la definisce Sysdev, è molto semplice da installare e funziona grazie a una serie di sensori piccoli e a basso costo. Il sistema di SHBox è in grado di registrare movimenti e vibrazioni, segnalando in tempo reale se la struttura presenta qualche anomalia. I dati sono inviati attraverso dei trasmettitori a lunga portata e sono conservati nella piattaforma cloud, dalla quale, grazie alle informazioni raccolte, potrà essere valutato lo stato di salute dell’edificio, navigabile anche grazie alla rappresentazione in 3D dei dati acquisiti dai sensori.

Possibili utilizzi

Il device ha un grosso margine di utilizzo e potrebbe aiutare a prevenire il crollo di molte opere e, quindi, salvare molte vite umane. Potrà essere impiegato per monitorare le condizioni di scuole, strade, ponti e molti edifici pubblici, soprattutto nelle zone a forte rischio idrogeologico.

Ti raccomandiamo