riparare-smartphone Fonte foto: Shutterstock
SMART EVOLUTION

Smartphone, l'Europa vuole smartphone robusti e riparabili facilmente

Il Parlamento europeo ha approvato una serie di raccomandazioni che proporrà ai produttori di telefoni, dai punteggi iFixit alle batterie e i LED removibili

6 Luglio 2017 - Uno degli aspetti più deficitari degli smartphone, ma anche di altri dispositivi elettronici, è la durabilità. Spesso si tratta di telefoni fragili con la garanzia che copre un massimo di due anni. Grazie alla Comunità Europea però la tendenza potrebbe cambiare.

L’Europa sta cercando di dare delle risposte efficaci ai consumatori. E per farlo porrà presto delle limitazioni e delle regole ai produttori. Parliamo di domande del tipo: il mio dispositivo è facile da riparare? Come posso trovare un centro di riparazione vicino a me? Quanto tempo ci vorrà e quanto mi costerà riparare lo smartphone? Si tratta dei primi quesiti che l’Unione Europea porrà ai produttori per trovare una soluzione univoca da presentare agli utenti. L’obiettivo è duplice. Offrire un servizio post-vendita chiaro e unitario, a prescindere dall’azienda, e soprattutto evitare sprechi per puntare a una durabilità maggiore dei telefoni mobili.

Punteggi iFixit

Non si tratta di un progetto astratto ma di una realtà concreta. Tanto che l’Europa ha già approvato in Parlamento una serie di raccomandazioni che presenterà ai produttori che operano nel continente. Gran parte del provvedimento mira a presentare agli utenti dei punteggi sui vari modelli che arrivano direttamente dal sito web iFixit. Per chi non lo conoscesse, iFixit è un sito dove degli esperti smontano uno smartphone per vedere quanto costa e quanto è difficile ripararlo. Il sito dà poi delle valutazioni finali che riguardano anche la chiarezza del servizio post-vendita del produttore.

Presto su tutti gli smartphone

In pratica in futuro ogni smartphone venduto in Europa avrà chiari e leggibili anche i punteggi iFixit. In modo che l’utente prima di acquistare possa sapere l’effettiva durabilità del proprio telefono e soprattutto i costi e le tempistiche delle varie riparazioni. Inoltre il Parlamento europeo sta anche cercando di rendere i componenti critici come le batterie e le luci LED, che sono tra i pezzi che si rompono più facilmente, removibili. E questo provvedimento potrebbe rappresentare una sfida incredibile per i produttori al giorno d’oggi. Visto che la maggior parte di loro ha recentemente bloccato i progetti modulari. Anche perché se l’Europa prenderà questa scelta è pronosticabile che anche le altre associazioni dei consumatori degli altri Paesi spingeranno verso queste soluzioni.

Ti raccomandiamo