auto alla guida Fonte foto: Shutterstock
TECH NEWS

Smartphone, presto la modalità guida per ridurre gli incidenti

Per la prima volta un ente governativo chiede alle grandi case hi-tech di sviluppare delle tecnologie per limitare l’uso dello smartphone al volante

Un numero elevato di incidenti stradali, a volte purtroppo anche mortali, sono causati dagli smartphone. Quando si risponde a un sms mentre si è al volante è come se si guidasse al buio per almeno 10 secondi. Per far fronte a questo tragico trend, qualcosa in ambito istituzionale inizia a muoversi.

Negli Stati Uniti, infatti, il National Highway Traffic Safety Administration è pronto oggi a pubblicare una serie di linee guida volontarie con cui si chiede ai produttori di smartphone di implementare sui dispositivi mobili il driver mode, un sistema simile alla modalità aereo. L’obiettivo dei regolatori americani è cercare di ridurre il numero di fatalità stradali provocate dall’utilizzo degli smartphone. Sono molte le persone, infatti, che perdono la vita ogni giorno negli Stati Uniti, come confermano i dati forniti dall’agenzia: nei primi sei mesi del 2016 i morti per incidenti stradali sono aumentati del 10%.

Il driver mode

smartphone-autoFonte foto: Shutterstock
Negli Stati Uniti giro di vite contro chi utilizza lo smartphone mentre guida

Quello che chiede il NHTSA agli operatori hi-tech è di sviluppare delle tecnologie che siano in grado di limitare l’uso del telefonino al volante. L’agenzia spera inoltre che gli smartphone siano anche capaci di percepire se un utente presta attenzione al dispositivo mentre sta guidando. In questo modo, il device, attivando il driver mode, costringerebbe l’automobilista a fermarsi.

Per la prima volta dunque un organismo governativo chiede espressamente ai produttori di smartphone di aumentare la sicurezza stradale. In realtà, le grandi aziende già da anni progettano e sviluppano delle tecnologie pensate per gli automobilisti. Apple, ad esempio, ha realizzato CarPlay, un sistema intelligente per auto che integra Siri. Anche Google non è rimasta a guardare lanciando Android Auto. Gli ideatori di Pokemon Go hanno invece inserito nel videogame una feature che impedisce agli utenti di giocare se superano  i 16 Km/h.

Ti raccomandiamo