iphone Fonte foto: Ellica
APPLE

Tempi duri per Apple, Tim Cook si riduce lo stipendio

Nel 2016 Apple non ha raggiunto gli obiettivi minimi per quanto riguarda il numero di prodotti venduti e parte dei dirigenti hanno avuto un taglio degli stipendio

Che non fosse stato un anno semplice per Apple lo si era intuito già negli ultimi mesi con le varie notizie che parlavano di un taglio della produzione per l’IPhone 7 e di una diminuzione delle vendite per l’Apple Watch 2, l’orologio intelligente che non è riuscito mai a trovare il consenso degli utenti.

Ma ora è arrivata la conferma direttamente dall’azienda di Cupertino che in un comunicato stampa ha annunciato le vendite del 2016 e le stime non sono state rispettate. Infatti, secondo le previsioni Apple avrebbe dovuto vendere nel 2016 prodotti per oltre 210 miliardi invece si è fermata solamente (si far per dire) a poco meno di 205 miliardi. Cinque miliardi in meno causati principalmente dalla scarsa performance del proprio dispositivo di punta: l’iPhone 7. Apple negli ultimi anni si è trasformata principalmente in un’azienda che produce smartphone e le scarse vendite del dispositivo di punta ne hanno inficiato il risultato.

Tim Cook si taglia lo stipendio

Il non aver raggiunto l’obiettivo minimo di vendita ha obbligato l’azienda a tagliare lo stipendio dei suoi dirigenti. Il primo a farne le spese è Tim Cook: il CEO dell’azienda nel 2016 ha ricevuto “solamente” 8,75 milioni di dollari (quasi 8,5 milioni di euro), inclusi i bonus, rispetto agli oltre 10 milioni guadagnati nel 2015. Un calo quasi del 15% che però non ha riguardato solo Tim Cook. Infatti, anche altri dirigenti dell’azienda hanno ricevuto lo stesso taglio. In tempo di crisi anche Apple fa spending review.

Ti raccomandiamo