hacker-carta-identita Fonte foto: Shutterstock
SICUREZZA INFORMATICA

Truffe online, ora cercano di rubare la tua carta d’identità

L’ultima truffa online cerca di impossessarsi dei dati personali degli utenti (carta d’identità, patente) nella speranza di poterli riutilizzare per altre truff

Non smettono mai di stupirci gli hacker. Ogni giorno cercano un nuovo modo per rubare i nostri soldi, i nostri dati personali e alle volte tutti e due. E l’ultima truffa lanciata sulla Rete va alla ricerca dei nostri documenti personali: patente, carta d’identità o tessera sanitaria.

A dare l’allarme è direttamente la Polizia sul proprio account Facebook “Commissariato di PS Online – Italia” e mette in guardia gli utenti da alcuni messaggi di posta elettronica che stanno arrivando a migliaia di persone in questi ultimi giorni. Nel testo della mail si fa riferimento a un oggetto che l’utente sta vendendo su uno dei tanti siti online: il malintenzionato fa finta di essere interessato all’acquisto e fornisce immediatamente il proprio documento per rassicurare l’utente. Ma in cambio chiede il documento dell’utente e il suo codice IBAN per effettuare il bonifico. In realtà è solo uno stratagemma per riuscire a ottenere il documento d’identità, da poter utilizzare in altre truffe.

Come difendersi

Fortunatamente l’e-mail inviata dagli hacker presenta molti errori di grammatica e per una persona con un po’ di esperienza nel mondo di Internet non è complicato riconoscere la truffa. Ma per le persone anziane, che magari sono alle prime armi con i computer, potrebbero non farci caso. L’unico modo per difendersi da questo tipo di messaggi è di non inviare tramite posta elettronica i propri documenti personali e il numero di conto corrente: i pirati informatici sono alla ricerca proprio di quelle informazioni per riuscire ad architettare altre truffe. Quando vi arrivano messaggi di questo tipo, la prima cosa da fare è avvertire direttamente la Polizia Postale, che potrà indagare e scoprire chi si nasconde dietro la truffa.

Ti raccomandiamo