vine-chiusura Fonte foto: Shutterstock

Twitter, Vine chiuderà il 17 gennaio per far posto a Vine Camera

Secondo quanto annuncia l’azienda sul social network, l’applicazione lanciata nel 2013 sarà sostituita da Vine Camera, una nuova app per i video

Non possiamo certo dire che a Twitter non sono stati di parola. Il microblogging conferma, infatti, quanto annunciato a ottobre e ufficializza la data di chiusura di Vine: il 17 gennaio. L’applicazione video, secondo quanto si legge su Twitter, diventerà Vine Camera.

Una decisione che rispecchia in parte la crisi che il social network sta attraversando da qualche anno. Secondo infatti alcuni analisti di mercato, Twitter sarebbe ormai sull’orlo del fallimento. Recentemente Trip Chowdhry, direttore di Global Equities Research, ha affermato che il valore reale del titolo azionario è destinato a perdere il 44%, arrivando a toccare quota 10 dollari. Crisi che ha costretto il CEO Jack Dorsey a lanciare una politica di spending review, cominciando dagli uffici italiani di Milano che inizieranno a chiudere i battenti tra qualche giorno. L’azienda più volte è stata vicina alla cessione, ma uno dopo l’altro i vari pretendenti si sono tirati indietro.

Vine si trasforma in Vine Camera

Tornando all’applicazione video di Twitter, Vine il 17 gennaio, dunque, cesserà di esistere. Gli utenti avranno a disposizione pochi giorni per salvare tutti i propri dati e cancellare i diversi account. Il microblogging continuerà comunque a mantenere il sito internet aperto. L’app per i video è stata sviluppata alcuni anni fa da una startup chiamata Vine, che successivamente è finita nelle mani di Twitter. L’applicazione permette di creare video di 6 secondi che possono essere condivisi sui social network. Vine farà quindi posto a Vine Camera, ma cosa cambierà? Soltanto il nome. Da quanto è possibile intuire infatti la nuova applicazione continuerà a permettere agli utenti di realizzare loop di immagini di 6 secondi. E saranno sempre condivisibili.

Ti raccomandiamo