SICUREZZA INFORMATICA

Virus Facebook, il ricatto dei ransomware viaggia via chat. Video

Il crypto locker arriva sotto forma di immagine JPEG da contatti dei due social network e, appena scaricato, finisce con il bloccare il computer chiedendo un riscatto in cambio dei file

In Rete l’hanno già ribattezzato Imagegate: lo scandalo dell’immagine. E anche se a molti potrà sembrare un appellativo un po’ troppo pesante o “spinto” si dovrà presto ricredere: gli utenti vittime dello scandalo sono già migliaia e il problema sembra non trovare soluzione.

Come ravvisato da Check Point, software house specializzata nel settore della sicurezza informatica, un gruppo di hacker sta sfruttando una falla non meglio specificata per far viaggiare su Facebook e LinkedIn (ma anche altre piattaforme social) una versione più aggressiva di Locky Ransomware. Travestito da immagine JPEG (da qui l’appellativo di imagegate), il malware si è diffuso a macchia d’olio, tanto da aver attirato le attenzioni di diversi esperti di sicurezza informatica. A oggi, fa sapere la casa sviluppatrice israeliana, né Facebook né LinkedIn sono state in grado di sistemare il problema e, potenzialmente, tutti gli iscritti sono in pericolo.

Non aprite quella foto

Come ravvisato da Check Point, gli hacker sfruttano una falla piuttosto particolare delle due piattaforme social. I pirati informatici, infatti, hanno scoperto che è possibile “iniettare” di codice malevolo un’immagine e costringere, di fatto, gli utenti a scaricarla. Una volta salvata la foto sul proprio hard disk si è a un passo dal baratro crittografico: aprendo l’immagine si eseguirebbe in automatico CryptoLocker, una particolare “mutazione” di ransomware che crittografa tutti i dati presenti all’interno del disco rigido. Nel caso in cui si vogliano avere indietro i propri file si dovranno pagare 0,5 Bitcoin, circa 350 euro al cambio corrente. Il consiglio, dunque, è di non aprire alcuna immagine ricevuta via chat, anche se il mittente fosse il nostro miglior amico.

Sempre più social

Per gli analisti di Check Point, l’ImageGate potrebbe essere solamente il primo di una lunga serie di attacchi ransomware condotti sui social. Il perché è presto detto: i diversi miliardi di utenti che popolano questa porzione della Rete, infatti, li considerano in qualche maniera impenetrabili a virus e malware vari: una sorta di oasi spensierata, insomma, dove trascorrere del tempo in tranquillità. La realtà è ben altra, però, e l’ImageGate ce lo dimostra nuovamente se ancora ce ne fosse bisogno. Insomma, da oggi in avanti bisognerà porre sempre più attenzione alla nostra navigazione sui social: gli hacker ci “spiano” e sono pronti a colpirci.

Ransomware e social, rapporto che si rafforza

Hacker con tastieraFonte foto: Shutterstock
Hacker al lavoro

Virus Facebook, attenzione alle immagini che arrivano in chat

Allarme della Polizia: attenzione al virus su Facebook Messenger

Virus WhatsApp: l’ultimo pericolo corre online. Attenzione alla mail

Cosa sono i ransomware e come si diffonde il contagio

Pericolo ransomware, come difendersi con buone pratiche e antivirus

Dilemma ransomware, è possibile fermare il virus del riscatto?

Epidemia crypto ransomware, 800 mila infettati dal virus dei ricatti

Ransomware, arriva il virus che ti ricatta grazie ai social

Ransomware, la prossima frontiera sono smartphone e smartTV

Attacco ransomware: piccole e medie imprese in pericolo

 

(video in apertura tratto da YouTube)

Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_video@libero.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.

Ti raccomandiamo