mare-tablet Fonte foto: Shutterstock
HOW TO

4 modi per liberare la casella di posta in arrivo

Ambite a raggiungere il tanto agognato 0 inbox? Questi quattro trucchetti vi aiuteranno a farlo

Sottoposti come siamo al cosiddetto overload informativo, raggiungerlo resterà probabilmente uno dei tanti obiettivi che ci prefiggiamo senza avere la benché minima possibilità di successo. Questo non vuol dire, però, che non possiamo in qualche maniera avvicinarci allo 0 inbox, ossia avere una casella della posta in arrivo completamente libera e pochissima confusione a regnare all’interno del nostro account e-mail.

Ogni giorno, infatti, riceviamo decine e decine di messaggi di posta elettronica e non sempre riusciamo a gestirli e smistarli come vorremmo. Finiamo così con l’accumulare decine e decine di messaggi – nella gran parte dei casi poco importanti, ma a volte può capitare che tra email di scarso “valore” se ne nascondono alcune di grande importanza – che non riusciremo più a toglierci dal groppone.

Fortunatamente, alcuni trucchetti possono aiutarci a fare ordine e liberare la casella di posta in arrivo. Un’operazione solo apparentemente secondaria: come detto, nel calderone delle e-mail non lette potrebbe finire qualche messaggio invece molto importante. Insomma,

Basta utilizzare l’email come surrogato della chat

Se volete iniziare a mettere ordine nella casella di posta in arrivo – e, più in generale, all’interno della vostra e-mail – smettetela di utilizzarla come fosse un “altro” servizio di messaggistica istantanea. Prima di inviare un messaggio, pensateci bene: nel caso si tratti di un’informazione breve, sfruttate gli SMS o WhatsApp; se, invece, è qualcosa di più articolato utilizzate la vostra posta elettronica.

Cancellati

Facendo un po’ di attenzione, noteremmo che gran parte dei messaggi che intasano la casella di posta in arrivo sono frutto della nostra iscrizione, più o meno voluta, a mailing list di ogni tipo. Dagli e-commerce alle newszine politiche, ogni giorno riceviamo decine di messaggi dei quali possiamo fare facilmente a meno: basterà scoprire il link “Unsuscribe” (o “Cancellati”) in calce al testo e confermare la propria volontà di non ricevere più messaggi pubblicitari. Nel caso non ci riusciste, esistono diversi servizi online che vi possono aiutare a cancellarvi dalle mailing list.

Semplice e completo

Volete evitare di ricevere troppi messaggi dai vostri colleghi o collaboratori? Tentate di essere quanto più chiari e completi possibile nelle vostre missive digitali. Quando scrivete un’e-mail accertatevi di inserire tutte le informazioni necessarie e di farlo utilizzando un linguaggio semplice e diretto. In questo modo il destinatario non dovrà chiedere chiarimenti o maggiori dettagli e non avrete più la casella di posta in arrivo intasata.

Fate buon uso dello spam

I filtri antispam sono diventati sempre più bravi a intercettare le e-mail spazzatura che riceviamo quotidianamente. Con il vostro aiuto, potranno migliorare ulteriormente: basterà segnalare e-mail o indirizzi di spedizione sospetti per ampliare il raggio d’azione dei filtri antispam ed evitare, così, di ricevere messaggi inutili se non addirittura dannosi. Nel caso di Libero Mail, ad esempio, finiranno direttamente all’interno della cartella “Posta Indesiderata”, permettendovi così di mantenere la cartella di posta in arrivo sempre in ordine e vuota (o quasi).

Pulsante_MAIL ok

Contenuti sponsorizzati