7322e2f187ccfd334a96018d8d082b09.jpg Fonte foto: AP
TECH NEWS

Abusi e odio, la lotta dei big internet alle molestie online

Intelligenza artificiale e revisori umani contro i cyberbulli

Molestie online, minacce, offese, si sono dimostrate “tossiche” per il web nel 2017 almeno quanto le bufale in rete. Lo dimostrano gli sforzi che i colossi di internet quest’anno hanno messo in campo anche per contrastare cyberbulli e troll. Schierando non solo intelligenza artificiale, ma anche controllori in carne e ossa. Una strategia seguita da Facebook, che ha portato a 4.500 persone il team di controllo delle segnalazioni. Di recente il social da due miliardi di utenti ha anche deciso di rendere più difficile la vita a quei molestatori “seriali” che, anche se vengono bloccati dalle proprie vittime, aggirano sospensioni e oscuramenti creando nuovi account.

Algoritmi avanzati riconosceranno tentativi di questo tipo e li bloccheranno. Google per YouTube ha deciso di potenziare il team umano impegnato nella lotta contro il linguaggio d’odio, contenuti estremisti, commenti pedofili o filmati inappropriati per investitori pubblicitari. Entro il 2018 sarà composto da 10 mila persone.

Contenuti sponsorizzati