4ff5ba15bbb0ad1fa6e41100e3cad1f7.jpg Fonte foto: ANSA
TECH NEWS

AI risolve i puzzle archeologici

Permette di ricomporre i frammenti di reperti e affreschi

(ANSA) – ROMA, 11 GEN – L’intelligenza artificiale può aiutare a risolvere i puzzle dei reperti archeologici. I ricercatori dell’università di Haifa hanno infatti sviluppato un algoritmo capace di riassemblare automaticamente i frammenti di manufatti antichi, che può essere usato anche per ricomporre documenti strappati, immagini, ed essere impiegato anche nella biologia e archeologia. I risultato è descritto su arXiv, il sito che traccia gli articoli scientifici prima della revisione in vista della pubblicazione ufficiale.

Non è la prima volta che si prova a risolvere in modo automatico i puzzle. Il primo tentativo risale al 1964, mentre oggi ci sono tecniche in grado di lavorare sulle immagini naturali, abbinando colori e forme. In questo caso i ricercatori si sono concentrati sull’archeologia. Molti reperti, al momento della scoperta infatti, spesso sono in uno stato frammentario, e gli archeologi devono riassemblarli manualmente prima di poterli esaminare.

Contenuti sponsorizzati