7b7a70ee09cd58661a8dbc4a6254947f.jpg Fonte foto: ANSA
TECH NEWS

AI, uso criminoso minaccia la sicurezza

Allarme ricercatori, rischi per infrastrutture e auto autonome

(ANSA) – ROMA, 21 FEB – Anche l’intelligenza artificiale (AI) potrebbe trasformarsi in un’arma in mano a cybercriminali e Stati canaglia. Dagli attacchi alle infrastrutture critiche agli scontri di automobili a guida autonoma, fino alla creazione di campagne di disinformazione, l’intelligenza artificiale – se violata dagli hacker – rischia di prestarsi ad una serie di usi criminosi che minacciano la sicurezza. L’allarme arriva da uno studio condotto da una ventina di ricercatori delle università di Cambridge, Oxford e Yale, coadiuvati dal gruppo di ricerca OpenAI fondato dall’imprenditore Elon Musk e da esperti di privacy e questioni militari.

Nelle mani sbagliate, l’Intelligenza artificiale minaccia la sicurezza digitale. La tecnologia potrebbe ad esempio essere usata per insegnare alle macchine a diventare hacker, sferrando cyberattacchi automatizzati più potenti. Ma non solo. La minaccia è anche alla sicurezza fisica: i criminali potrebbero prendere il controllo delle auto autonome, causando incidenti.

Contenuti sponsorizzati