Libero
amazon metro goldwyn mayer mgm Fonte foto: mundissima / Shutterstock
TV PLAY

Amazon compra la Metro Goldwyn Mayer: la UE ha detto sì

A circa un anno dall'ufficializzazione dell'accordo, Amazon ottiene l'OK dell'Antitrust europeo per l'acquisizione di MGM: migliaia di film e serie TV in arrivo su Prime Video

I funzionari dell’Unione Europea hanno approvato l’offerta di 8,45 miliardi di dollari presentata un anno fa da Amazon per l’acquisto del famoso studio cinematografico e televisivo Metro Goldwyn Mayer. Le autorità di regolamentazione antitrust della Commissione europea hanno affermato che la fusione non comporta concorrenza sleale nel mercato della produzione di film e più in generale di contenuti audiovisivi.

Il parere europeo è decisamente importante perché evidenzia che almeno in Europa questo genere di fusioni non sono temute. Negli Stati Uniti, la percezione è diversa e al contrario si teme ogni tipo di concentrazione che potrebbe creare un monopolio sul mercato: il catalogo MGM sarà per tutti o sarà esclusiva di Prime Video? Tant’è che è ancora atteso il parere della FTC, Federal Trade Commission, ossia l’Antitrust americano che si dovrà esprimere sulla legalità della fusione. La necessità di acquisire le major storiche del cinema e poi delle produzioni televisive è dettato dal bisogno sia di incorporare i teatri di posa e le maestranze dello spettacolo, sia di acquisire i diritti di film e serie TV decisamente importanti o addirittura che hanno fatto la storia dello spettacolo.

MGM e Amazon in Usa, un accordo difficile

Se l’Unione Europea ha detto sì all’accordo tra Amazon e MGM, negli Stati Uniti sono state sollevate diverse perplessità. La FTC, Federal Trade Commission ossia l’Autorità di regolamentazione antitrust degli Stati Uniti, presieduta da Lina Khan (che fino ad ora non si è mostrata morbida con le Big Tech), potrebbe stoppare definitivamente l’acquisizione.

La Khan si è guadagnata questa fama per le sue indagini antitrust avviate sulle grandi piattaforme tecnologiche, incluse Facebook e Google. Il motivo è sicuramente evitare che si concentrino in poche mani sia i capitali, sia i media.

Già in passato l’Autorità antitrust statunitense aveva messo in dubbio le grandi fusioni di media tra cui l’acquisto da parte della Disney della 21st Century Fox, l’acquisizione di Time Warner da parte di AT&T e l’acquisizione di WarnerMedia da parte di Discovery.

La dote di MGM: oltre 4000 film e serie TV

Amazon, acquisendo la Metro Goldwin Mayer si ritrova in catalogo oltre 4000 film, tra cui la famosa serie James Bond. E come ebbe modo di dichiarare lo scorso anno Mike Hopkins, vice direttore della major, MGM possiede un vasto catalogo, tra cui figurano “Basic Instinct“, “La rivincita delle bionde“, il franchise di “Poltergeist“, “Toro scatenato“, “Robocop“, “Rocky“, “Il silenzio degli innocenti“, “Stargate“, “Thelma & Louise“, “Tomb Raider“, “I magnifici 7“, “La Pantera Rosa" e “Gioco a due“.

Tra le serie TV che entrano nel pacchetto dell’accordo ci sono “Fargo“, “The Handmaid’s Tale" o “Vikings“. Quindi, sicuramente, il vero tesoro è rappresentato proprio dalle proprietà intellettuali di questo immenso catalogo.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963