smart tv Fonte foto: Shutterstock
ANDROID

Android 10 arriva sugli smart TV: le novità e cosa cambia

La casa di Mountain View sta rilasciando l'ultima versione del suo sistema operativo per smart TV. Miglioramenti sul fronte della sicurezza

11 Dicembre 2019 - Dopo essere stato presentato solo per gli smartphone Pixel, per poi iniziare la lenta ma progressiva diffusione sui device degli altri produttori, Android 10 arriva anche sugli smart TV con l’aggiornamento del sistema operativo Android TV, appena annunciato da Google.

Big G, infatti, ha comunicato sul suo blog per gli sviluppatori l’integrazione delle nuove API level 29 in Android TV, cioè le stesse API presenti sull’ultima versione del suo sistema operativo mobile. Molte delle nuove funzionalità portate da Android 10 sugli smartphone quindi, sono pronte a passare anche sui televisori che, come spiega la stessa Google, rimangono ancora lo schermo più utilizzato dagli utenti per guardare contenuti multimediali. Contemporaneamente Google ha anche presentato l’ADT-3, un device che simula una TV con Android TV 10, destinato agli sviluppatori delle app per smart TV.

Android TV 10: le novità

Con Android 10 arrivano sulle smart TV anche gli aggiornamenti frequenti del “Project Treble (che in realtà è nato con Android Oreo 8, ma ancora non era stato implementato in Android TV). Maggiore sicurezza anche per le televisioni grazie allo storage criptato per i dati degli utenti e all’implementazione del protocollo TLS 1.3 di default. Inoltre, Android 10 include anche altri rafforzamenti alla sicurezza di alcune aree della piattaforma. In arrivo anche la connessione Wi-Fi peer-to-peer e un sistema di thermal management per evitare i surriscaldamenti. Una API, quest’ultima, che in teoria su una TV dovrebbe servire assai meno che su uno smartphone.

ADT-3

Come Google sa benissimo, il successo di un sistema operativo dipende soprattutto dalla quantità di app disponibili. Per questo sta per arrivare anche l’ADT-3, una sorta di dongle che permette agli sviluppatori di testare le proprie app per Android 10 prima dell’effettivo roll-out. E, soprattutto, prima che i costruttori di TV implementino questo sistema operativo, cosa che richiederà tempo.

L’ADT-3, che verrà venduto nei prossimi mesi tramite un partner OEM non ancora specificato, rappresenta un gran salto di potenza rispetto al precedente ADT-2: ha un processore quad-core A53, affiancato da 2 GB di RAM DDR3, e ha una uscita HDMI 2.1 4Kp60. È certificato direttamente da Google ed è già agiornato agli ultimi update di sicurezza. In questo modo gli sviluppatori potranno testare “fisicamente” come girano le proprie app su Android TV “powered by” Android 10.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963