Libero
Trovate le più antiche orme di ominidi Fonte foto: Andrzej Boczarowski/Uppsala
SCIENZA

Trovate le più antiche orme di ominidi: risalgono a 6 milioni di anni fa

Sono la più antica prova del bipiedismo dei nostri antenati. Ora è arrivata la nuova datazione. Erano state rinvenute, fossilizzate, su una spiaggia di Creta vicino a Trachilos nel 2017

Trovate nel 2017 vicino a Trachilos, su una spiaggia di Creta, le impronte fossilizzate sono la più antica prova diretta che abbiamo del bipedismo nei nostri antenati. Ancora più vecchie di quanto riportato in precedenza, hanno battuto anche le controparti africane. Quando erano state scoperte, circa quattro anni fa, erano state dichiarate prove di antenati umani che camminavano eretti 5,7 milioni di anni fa. Ciò aveva rappresentato una sorta di shock, poiché aveva sollevato la possibilità che uno dei passaggi più importanti dell’evoluzione umana abbia avuto luogo al di fuori dell’Africa. Ora è arrivata una nuova datazione che riporta ancora più indietro, a circa 6 milioni di anni fa.

Le orme che risalgono a 6 milioni di anni fa

Un articolo pubblicato su Scientific Reports, evidenzia che le impronte sono state fatte prima di quanto si pensasse. Usando la polarità magnetica dello strato in cui sono state trovate le impronte e l’abbondanza di specie di organismi marini di accompagnamento, il documento stima che le tracce si trovino nei sedimenti depositati 6,05 milioni di anni fa. Solo quando il materiale era fresco sarebbe stato abbastanza morbido da contenere le impronte così chiaramente.

E, secondo gli autori, c’è anche una piccola possibilità che le orme siano ancora più antiche. “Le tracce sono quasi 2,5 milioni di anni più antiche delle tracce attribuite all’Australopithecus afarensis (Lucy) di Laetoli in Tanzania", ha affermato in una nota il dott. Uwe Kirscher dell’Università di Tubinga. Ciò non significa necessariamente che gli ominidi camminassero eretti in Europa prima dei loro ominidi in Africa.

Il bipiedismo degli ominidi

Per esempio, la specie Orrorin tugenesis visse in Kenya all’incirca nello stesso periodo. Sebbene non siano state trovate né le loro impronte né le ossa del piede, la forma dei femori di Orrorin suggerisce che probabilmente camminavano eretti. L’espansione temporanea del Sahara all’epoca probabilmente impediva l’interscambio tra l’Europa e la maggior parte dell’Africa, nel qual caso l’andatura eretta potrebbe essersi evoluta indipendentemente in entrambi i luoghi.

Tuttavia, se Kirscher e i suoi coautori hanno ragione, il lavoro indica che dobbiamo ampliare la gamma entro la quale cerchiamo le origini della bipedalità umana e potrebbe spiegare come i nostri antenati hanno compiuto il passaggio alla posizione eretta. “Il piede umano più antico utilizzato per camminare in posizione eretta aveva una palla, con un forte alluce parallelo e dita laterali successivamente più corte", ha detto il co-autore professor Per Ahlberg dell’Università di Uppsala.

I ritrovamenti di resti dei nostri antenati continuano a rivelarci preziose informazioni sulla nostra storia evolutiva. Recentemente è stata scoperta una grotta segreta, tra gli ultimi nascondigli dei Neanderthal a Gibilterra, mentre uno studio sul sangue arcaico ha svelato il mistero che portò la specie all’estinzione. Altri fossili che riscrivono il nostro percorso evolutivo sono il teschio di Dragon Man in Cina e dei reperti trovati in Israele.

Stefania Bernardini

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963