81fb0ef67117a3c3d3307efee3d2fd3a.jpg Fonte foto: ANSA
TECH NEWS

App batte medici nelle diagnosi in Gb

Grazie a intelligenza artificiale analizza risposte pazienti

(ANSA) – ROMA, 28 GIU – Un’app basata sull’intelligenza artificiale è risultata più brava dei medici di base ‘in carne e ossa’ nel fare diagnosi basate sulle risposte dei pazienti. Ad affermarlo è Babylon, la start up britannica che l’ha sviluppata, che ha già però registrato, riporta il sito della Bbc, lo scetticismo dei ‘general practitioner’ britannici. L’algoritmo, che ha la forma di un chatbot, un software che simula una conversazione, una volta fatta una serie di domande al paziente formula una o più diagnosi con una percentuale di probabilità. Per testarlo la Babylon lo ha sottoposto all’esame che il Royal College of General Practitioners, l’equivalente del nostro ordine dei medici, richiede per l’iscrizione, e il risultato è stato un punteggio dell’81%, superiore alla media del 72% dei medici ‘umani’.

Contenuti sponsorizzati