app-ricorda-che-devi-morire Fonte foto: Shutterstock
SMART EVOLUTION

L'app che ti ricorda che devi morire

L’applicazione WeCroak invia all’utente cinque messaggi al giorno sul tema della morte per far riflettere sull’importanza della vita

22 Febbraio 2018 - “Per essere felici bisogna pensare alla morte cinque volte al giorno”. Da questa frase ha preso spunto Hansa Bergwall, ragazzo di New York che ha dato vita a WeCroak, quella che tutti hanno definito come “l’app che ti ricorda che devi morire”. WeCroak è l’applicazione del momento e nonostante sia a pagamento (costa 0,99 dollari) sta scalando velocemente le classifiche delle app più scaricate del Google Play Store e dell’App Store.

Ma a cosa deve tutto questo successo WeCroak? Al fatto che parla della morte e ci ricorda che è un appuntamento che non possiamo rimandare. L’applicazione, però, non invita le persone a farla finita con la propria vita. Anzi, tutt’altro. L’obiettivo è far riflettere gli utenti sulla caducità della vita e su quanto sia importante vivere a pieno ogni singolo momento. Per la sua applicazione, Hansa Bergwall ha preso spunto da una tradizione del Bhutan (piccola Nazione asiatica) che invita le persone a pensare alla morte almeno cinque volte al giorno per diventare felici.

Come funziona WeCroak

Cinque messaggi al giorno a intervalli regolari a partire dalla mattina alle sette fino ad arrivare alla sera alle dieci. Tutti i messaggi hanno in comune lo stesso argomento: la morte. Questo è quello che fa WeCroak, l’applicazione “che ti ricorda che devi morire”. Il messaggio viene inviato all’utente tramite una notifica sullo smartphone: la si apre e sullo schermo apparirà un aforisma di un filosofo o di un pensatore sul tema della morte. Come detto, l’obiettivo non è incentivare le persone a farla finita, ma riflettere sull’importanza della vita. Quando si riceve il messaggio, lo si legge e ci si ferma per qualche minuto pensando a quanto sia bella la propria vita. L’app può essere d’aiuto in caso di forte stress e di problemi nella vita quotidiana.

Contenuti sponsorizzati