APPLE

Apple iPhone 12: dopo 24 ore sta già andando a ruba

Lo smartphone di Apple non è ancora uscito ed è già da record: boom di 2 milioni di ordini per iPhone 12 in appena 24 ore

Uscirà il 23 ottobre ma, nelle prime 24 ore di prevendita aperta il 16 ottobre, iPhone 12 ha già superato i 2 milioni di esemplari venduti. Un record senza paragoni quello del prossimo modello di smartphone di casa Apple, che ha già stracciato il precedente primato raggiunto dal suo predecessore, iPhone 11.

Questa stima, fatta dall’analista di TF International Securities Ming-Chi Kuo, sancirebbe dunque una superiorità netta del modello in uscita nei prossimi giorni rispetto a quello dello scorso anno, venduto pressoché nello stesso periodo. Superando tutti i melafonini lanciati sul mercato negli anni precedenti, iPhone 11 aveva venduto durante le prime 24 ore di prevendita ben 800 mila esemplari, arrivando poi a 12 milioni alla fine del primo weekend. Per iPhone 12, Kuo ha invece prospettato un lieve calo nel fine settimana, con un totale di vendite che dovrebbe arrivare e fermarsi intorno ai 9 milioni. Tali dati sono di grande interesse per una valutazione dell’andamento di vendita, soprattutto alla luce del fatto che Apple ha smesso da due anni di rendere noti i report relativi ai suoi smartphone.

iPhone 12 e iPhone 12 Pro: impennata delle vendite in Cina

Dall’analisi di Kuo si evince come il prezzo di vendita di iPhone 11 abbia influenzato la fase di preordine del nuovo iPhone 12, causando una domanda più bassa rispetto alle previsioni. Inoltre, ad avere la meglio sulla versione base del nuovo nato di casa Apple sarebbe stato il modello più avanzato, iPhone 12 Pro, almeno sul mercato cinese. A fare la differenza in questo caso sarebbe stata prevalentemente la maggiore disponibilità di rete 5G sul territorio della Cina, nazione che ha coperto tra il 35% e il 45% delle richieste di questa specifica versione.

iPhone 12 Mini e iPhone 12 Pro Max: richiesta più bassa del previsto?

La sorte, sempre parlando in prospettiva cinese, sarebbe diversa per iPhone 12 Mini e iPhone 12 Pro Max, rispettivamente la versione più piccola di iPhone 12 e la versione con schermo più ampio di iPhone 12 Pro. Le vendite, con prevendita a partire dal 6 novembre e vendita libera dal 13 dello stesso mese, potrebbero essere di gran lunga inferiori rispetto alle controparti.

In particolare, a pesare su iPhone 12 Mini sarebbero lo schermo troppo piccolo, si parla di 5,4 pollici rispetto ai 6,1 pollici del modello normale, e la mancanza di supporto per la doppia carta SIM, caratteristica particolarmente apprezzata in Asia ma di cui il modello più piccolo di Apple non è purtroppo dotato.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963