HOW TO

Torna il Bonus Vacanze: come chiederlo

Il Bonus Vacanze prorogato per il 2021: il contributo fino a 500 euro potrà essere richiesto per chi ha un ISEE sotto i 40mila euro e speso entro il 31 dicembre

Il Bonus Vacanze richiesto da coloro con ISEE inferiore ai 40mila euro è stato confermato e potrà essere speso entro il 31 dicembre 2021. Il contributo massimo è di 500 euro a nucleo familiare da spendere nelle strutture ricettive italiane abilitate, tra cui alberghi, bed and breakfast e campeggi.

La proroga del Bonus Vacanze al prossimo 30 giugno 2021 era già stata approvata nel decreto Ristori dal precedente governo Conte, ma ora le commissioni Affari costituzionali e Bilancio della Camera hanno approvato un nuovo emendamento al decreto Milleproroghe, che sposta la scadenza e offre sei mesi in più agli aventi diritto per spendere il bonus. L’erogazione del bonus è del tutto digitale e può essere richiesto utilizzando l’app IO della Pubblica amministrazione, quindi per accedere è necessario essere muniti di Carta d’Identità Elettronica (CIE) o di identità digitale SPID. Ecco come funziona il Bonus Vacanze e come chiederlo.

Bonus Vacanze 2021, come funziona

Il Bonus Vacanze è un contributo fino a 500 euro erogato per un nucleo familiare che ha un ISEE inferiore a 40mila euro. Chi rispetta questo requisito, potrà produrre il proprio ISEE attraverso la Dichiarazione sostitutiva unica (DSU) che piò essere richiesta all’INPS, certifica i redditi del nucleo familiare e ha validità annuale.

Se il bonus viene approvato, verrà erogato secondo questi importi che variano a seconda della composizione del nucleo familiare del richiedente:

  • 500 euro per nucleo composto da tre o più persone;
  • 300 euro per nucleo composto da due persone;
  • 150 euro in caso a richiederlo sia una sola persona (senza figli, coniugi o parenti a carico).

Il bonus va speso tutto in una volta, quindi non può essere frazionato, per il soggiorno presso alberghi, campeggi, villaggi turistici, agriturismi e bed and breakfast situati in Italia (scopri le destinazioni consigliate per viaggiare in sicurezza). Presentando il contributo, l’utente riceverà uno sconto del’80% della tariffa da parte della struttura ricettiva, mentre il restante 20% sarà erogato sotto forma di credito d’imposta nella dichiarazione dei redditi dell’anno seguente all’utilizzo.

Bonus Vacanze 2021: come richiederlo

La richiesta e l’erogazione del bonus avviene esclusivamente in forma digitale, pertanto chi vuole richiederlo dovrà essere in possesso della Carta d’Identità Elettronica (CIE) o dell’identità digitale SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale).

Per richiedere il bonus è necessario accedere al sito web dell’Agenzia delle Entrate dedicato al servizio, inserire le proprie credenziali e seguire l’iter fino all’inserimento dell’ISEE, che potrà essere anche autocertificato ma sarà soggetto a controlli.

Altrimenti, gli utenti potranno scaricare l’app IO, l’applicazione dei servizi pubblici, accedere tramite CIE o SPID, andare nella sezione dedicata al Bonus Vacanze e avviare la procedura per la richiesta del contributo.

Una volta approvato, si otterrà un QR code univoco per il nucleo familiare, che dovrà essere mostrato all’albergatore insieme al codice fiscale di chi ha presentato la richiesta al momento del pagamento nella struttura ricettiva scelta per spendere il bonus.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963