Libero
cashback pagamento elettronico Fonte foto: Shutterstock
HOW TO

Cashback, cosa cambia per i reclami sui rimborsi

Il decreto del governo Draghi del 30 giugno non solo ha sospeso il secondo semestre del Cashback, ma ha introdotto anche modifiche per i reclami sui rimborsi: cosa cambia

Veronica Nicosia Giornalista scientifico

Laureata in astrofisica, giornalista scientifico e content editor SEO, scrive di tecnologia per magazine online e carta stampata. Nel 2020 approda a Libero Tecnologia

Sin da quando il programma Cashback è iniziato, non sono mancati episodi segnalati dagli utenti che hanno visto transazioni eseguite non apparire nel rendiconto dell’app IO. Proprio l’app offre un servizio di help desk che permette di fare reclami sulle transazioni mancanti nel registro dell’applicazione.

Nel testo del decreto 99 del 30 giugno 2021 emanato dal Governo Draghi è sancita la sospensione del Cashback e del Super Cashback nel semestre dal 1° luglio al 31 dicembre 2021. Il governo ha deciso di destinare i fondi riservati al programma del Piano Cashless Italia ad altre forme di ammortizzatori sociali. Inoltre, come spieghiamo qui, ha cambiato le date dei rimborsi del Super Cashback: arriveranno entro il 30 novembre e non più entro fine agosto. Il nuovo testo però presenta anche modifiche per quanto riguarda il mancato o inesatto accredito del rimborso: ecco quali sono.

Cashback: cosa cambia per i reclami sui rimborsi

Nel decreto che ha sancito l’avvio del Cashback nel 2020, si parlava di un termine di 120 giorni per presentare il reclamo successivamente alla scadenza del termine previsto per i pagamenti. Ora invece il nuovo decreto del governo Draghi specifica che gli utenti potranno presentare reclamo a partire dal 15° giorno al termine del primo semestre se non vedranno registrate nell’app IO tutte le transazioni valide effettuate per il Cashback tra il 1° gennaio e il 30 giugno 2021, ma entro il 29 agosto 2021.

Questo significa che i partecipanti al primo semestre del Cashback potranno presentare reclamo a partire dal 15 luglio e non oltre il 29 agosto 2021, cioè circa 45 giorni e non più 120. Nel caso in cui il terzo semestre del Cashback non fosse cancellato e iniziasse il prossimo 1° gennaio, concludendosi il 30 giugno 2022, gli utenti potranno presentare reclamo tra il 15 luglio e il 29 agosto 2022.

Cashback: come presentare reclamo sui rimborsi

I reclami in caso di mancato o inesatto accredito devono essere presentati a Consap S.p.A., che è l’ente che si occupa dell’erogazione dei rimborsi. Per farlo, sarà necessario inviare un apposito modulo debitamente compilato e sottoscritto, insieme agli allegati richiesti.

Una volta inviato il reclamo, Consap avrà il compito di chiedere a PagoPA S.p.A, che è gestore dell’app IO, tutte le informazioni relative alle transazioni effettuate dall’utente nel periodo contestato, così da poter definire l’errore o meno sul rimborso accreditato.

Anche qui, arriva una modifica nei tempi di comunicazione della decisione. Se prima Consap aveva 30 giorni dalla data del reclamo per effettuare le verifiche e disporre il pagamento del rimborso, ora invece avrà 30 giorni a partire dalla scadenza del termine per presentare il reclamo, cioè 30 giorni a partire dal 29 agosto.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963