url-abbreviate-smartphone Fonte foto: Shutterstock
HOW TO

Come condividere URL abbreviati con Android

Per condividere link sulle piattaforme social, possiamo abbreviare le URL sullo smartphone Android utilizzando Shortener URL: ecco come funziona

Se amiamo condividere sulle app per la messaggistica e sui social media, specie su Twitter, dei link di siti che ci interessano o delle nostre considerazioni su blog e portali vari, dovremo per forza di cose usare un servizio per abbreviare gli URL. Ecco come riuscirci se possediamo uno smartphone Android.

Il consiglio è quello di usare un’applicazione creata appositamente per svolgere questo compito. Una delle migliori su Android per abbreviare gli indirizzi web è Shortener URL. Per prima cosa andiamo sul Google Play Store e scarichiamo il servizio. A processo completato clicchiamo su Apri per lanciare l’app. A questo punto abbiamo due scelte per condividere un URL corto, o andiamo sul browser e copiamo l’URL originale per poi incollarlo dentro l’applicazione, oppure creare velocemente direttamente dall’app un URL casuale e abbreviato.

Come funziona Shortener URL

Nel secondo caso descritto non avremo nessuna possibilità di scelta, ovvero l’URL sarà una combinazione corta di lettere e numeri scelti in modo del tutto casuale. Di contro in pochi secondi avremo condiviso con amici e follower il nostro link. Con la prima opzione invece possiamo personalizzare l’URL. Scegliendo le lettere e dando un minimo senso all’URL nonostante la breve lunghezza. Shortener URL crea dei link ridotti che sono compatibili con qualsiasi altra applicazione di terze parti. In più il servizio salva ogni URL breve che abbiamo creato in modo da avere una cronistoria dei nostri link condivisi. Non c’è una tecnica migliore rispetto ad un’altra. La condivisione veloce senza personalizzazione è utile se badiamo solo alla sostanza e abbiamo bisogno di usare pochi caratteri. La condivisione personalizzata può dare contesto al lettore che capirà di cosa tratta la storia o la pagina compressa nel link. E forse è consigliata sui social media, specie per invogliare gli utenti su Twitter a cliccare su un nostro articolo.

 

Contenuti sponsorizzati