proteggere-smartphone-spioni Fonte foto: Shutterstock
SICUREZZA INFORMATICA

Come proteggere lo smartphone dagli spioni

Fidanzati, amici, parenti, genitori, forze di polizia: tutti hanno la possibilità di spiare il vostro smartphone e rubare i dati personali. Ecco come difendersi

20 Marzo 2018 - Quanto sono sicuri i propri dati personali presenti sullo smartphone? Poco, molto poco. I telefonini sono i dispositivi che utilizziamo maggiormente durante la giornata e contengono tutte le nostre informazioni, dal numero di conto corrente, alle password per accedere ai servizi online fino all’indirizzo di casa e i numeri telefonici dei nostri amici.

Per questo motivo gli smartphone sono diventati dei device sempre più presi di mira dai truffatori e dagli hacker, che sperano in una distrazione da parte dell’utente per riuscire a infettare il telefonino. Gli smartphone, però, sono importanti anche per l’attività investigativa delle forze dell’ordine: riuscire ad hackerare il dispositivo ed entrare in possesso dei dati presenti all’interno permette di scoprire tutti i segreti che nasconde un indagato. Proteggere i propri dati personali da questi pericoli è tutt’altro che semplice. Infatti, spiare uno smartphone e prenderne il controllo da remoto è possibile utilizzando dei programmi che sono disponibili online e possono essere acquistati per poche centinaia di euro. Si tratta di pratiche illegali, ma che sempre più persone mettono in atto. Ecco come difendere il proprio smartphone dagli spioni.

Come le persone possono spiare il mio smartphone

Secondo Kevin Mitnick, hacker statunitense autore del libro “Art of Invisibility”, sono due le tattiche che si possono utilizzare per spiare lo smartphone di una persona: rubare il dispositivo e installare un’applicazione che spia tutto quello che fa l’utente o chiedere aiuto a un’azienda che sfrutta una falla del sistema operativo mobile per prendere il controllo remoto dello smartphone. Il secondo metodo è il più efficace, ma anche il più costoso (alcune aziende richiedono fino a un milione e mezzo di dollari). La prima tattica è molto più economica (il programma da installare costa poco più di un centinaio di euro), ma per inserire l’applicazione nello smartphone è necessario avere l’accesso fisico al dispositivo e conoscere il PIN di sblocco.

Come proteggere lo smartphone dagli spioni

Se il nostro smartphone viene hackerato difficilmente riusciremo a capirlo. Le applicazioni-spia sono molto brave a mimetizzarsi all’interno della memoria dello smartphone e agiscono nell’ombra. Ma se abbiamo il timore di essere spiati si può proteggere il proprio smartphone usando tre semplici trucchi:

  • Installare l’ultima versione del sistema operativo. Aggiornare lo smartphone all’ultima versione del sistema operativo mobile assicura la massima protezione contro qualsiasi tipo di malware e di app-spia utilizzata dagli hacker. Se vi arriva la notifica con l’update da installare, fatelo immediatamente.
  • Utilizzare un PIN complesso. Per installare il programma che spia tutti i nostri movimenti è necessario che i nostri amici o parenti abbiano l’accesso fisico al dispositivo e che conoscano il PIN per lo sblocco. Se impostiamo una password complessa composta da 5-6 numeri, per i nostri amici sarà più difficile riuscire ad accedere al dispositivo.
  • Reset alle impostazioni di fabbrica. Se si è convinti di essere spiati, la soluzione più efficace per eliminare l’applicazione o il malware è effettuare il reset e riportare il dispositivo alle impostazioni di fabbrica. È possibile farlo su qualsiasi tipo di smartphone, sia Android sia iOS.

Contenuti sponsorizzati