Libero
Cosa svela la più antica sepoltura di una neonata in Europa Fonte foto: 123rf
SCIENZA

Cosa svela la più antica sepoltura di una neonata in Europa

La “tomba” fornisce dettagli sul primo periodo del Mesolitico. È stata sepolta in una grotta italiana diecimila anni fa, subito dopo l’ultima era glaciale.

Diecimila anni fa, subito dopo l’ultima era glaciale, un gruppo di cacciatori-raccoglitori seppellì una bambina in una grotta italiana con una ricca selezione delle loro preziose perline e ciondoli, e un artiglio di gufo reale. Gli scavi e le analisi della scoperta sono stati pubblicati su Nature Scientific Reports e offrono preziose informazioni sul primo periodo del Mesolitico. Claudine Gravel-Miguel, ricercatrice post-dottorato presso l’Institute of Human Origins dell’Arizona State University (ASU) e coautrice del documento, ha eseguito l’analisi dei resti, che includono oltre 60 perline di conchiglia forate.

Cosa rivela la sepoltura della neonata

Le pratiche mortuarie offrono una finestra sulle visioni del mondo e sulla struttura sociale delle società del passato. Il trattamento funerario di un bambino fornisce importanti spunti su chi era considerato una persona. La “tomba" della neonata, che il team ha ribattezzato “Neve", svela che già 10.000 anni fa nell’Europa occidentale, anche le femmine più giovani erano riconosciute come componenti a pieno titolo della società e individui che meritavano la sepoltura. “L’evoluzione e lo sviluppo del modo in cui i primi umani seppellivano i loro morti, come rivelato nella documentazione archeologica, ha un enorme significato culturale“, ha affermato Jamie Hodgkins, dottore di ricerca dell’ASU e paleoantropologo presso l’Università del Colorado Denver.

Dove si trova la grotta in cui è sepolta la neonata

Neve è stata trovata nella grotta Arma Veirana nelle prealpi liguri dell’Italia nord-occidentale. Il team di ricerca, che comprende anche i collaboratori italiani Fabio Negrino dell’università di Genova e Stefano Benazzi dell’università di Bologna, ha iniziato a ispezionare il sito nel 2015 e ha scoperto i resti nel 2017. Scavi precedenti avevano portato alla luce manufatti associati ai Neanderthal, che occuparono l’area 50.000 anni fa. La scoperta della sepoltura della bambina, che era di 40.000 anni più giovane, è stata perciò una sorpresa.

Il gruppo di studiosi si era spostato più in profondità nella grotta quando ha iniziato a trovare perline di conchiglia perforate risalenti al periodo post-Neanderthal. Pochi giorni dopo, uno degli scavatori ha scoperto il frammento di un teschio umano e in seguito, lo scheletro intero della neonata che era stata sepolta. Successive analisi del Dna hanno rivelato che la piccola appartiene a un lignaggio di donne europee noto come aplogruppo U5b2b. L’aplogruppo U5 è il predominante nei cacciatori-raccoglitori del Mesolitico europeo e probabilmente ha avuto origine tra i 17.000 e i 12.000 anni fa.

Altre analisi hanno mostrato che è morta circa 40-50 giorni dopo la nascita. Il ritrovamento è particolarmente importante perché mette in luce le usanze culturali degli antichi uomini. Neve è stata sepolta con oltre 60 perline di conchiglia perforate, 4 ciondoli di conchiglia e l’artiglio di un gufo reale. Le perline richiedevano grande cura per la realizzazione e la manutenzione, il che suggerisce che gli ornamenti fossero stati tramandati alla bambina dai membri del gruppo.

Indica anche che anche i membri più giovani del gruppo di caccia e raccolta erano ritenuti avere un sé individuale, un’agenzia morale e l’idoneità per l’appartenenza alla società. “Il Mesolitico è particolarmente interessante", ha spiegato il coautore dello studio Carey Orr, paleoantropologo e anatomista presso la School of Medicine dell’Università del Colorado. “Ha seguito la fine dell’era glaciale finale e rappresenta l’ultimo periodo in Europa in cui la caccia e la raccolta erano il modo principale per guadagnarsi da vivere. Quindi, è un periodo davvero importante per comprendere la preistoria umana".

Sempre in Italia è stato inoltre scoperto l’uomo di Neanderthal, mentre in Gibilterra è tornata alla luce una grotta segreta rimasta nascosta per 40mila anni.

Stefania Bernardini

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963