smartphone pieghevole Fonte foto: CNET
SMART EVOLUTION

Dalla Cina lo smartphone che si piega in tre parti: come sarà

TCl ha in progetto diversi smartphone pieghevoli tra cui uno che si piega in tre diverse parti. Ecco come è fatto e quando arriva sul mercato

25 Ottobre 2019 - Il settore degli smartphone pieghevoli sta muovendo i suoi primi passi. Samsung è riuscita finalmente a lanciare il suo primo dispositivo (il Galaxy Fold) e lo stesso si accinge a fare Huawei (con il Mate X). Samsung e Huawei,però, non sono le uniche due aziende che stanno investendo nel settore, altre sono pronte a entrare lanciando dispositivi innovativi. La prossima potrebbe essere TCL, azienda cinese poco conosciuta in Italia ma che ha una buona fetta di mercato nel resto del Mondo.

Il colosso cinese ha mostrato a IFA 2019, la fiera berlinese dedicata all’elettronica di consumo, alcuni prototipi di smartphone pieghevole. TCL sta lavorando su più tavoli per capire il gusto degli utenti e arrivare sul mercato con un dispositivo che abbia le caratteristiche giuste. Tra i prototipi visti a Berlino ce ne è uno che ha catturato l’attenzione della stampa e degli utenti: uno smartphone che si piega in tre parti. Una vera e propria novità per l’intero settore. Il dispositivo è composto da due diverse cerniere che collegano tre schermi flessibili che, una volta aperti, vanno a formare un display da dieci pollici.

Lo smartphone pieghevole di TCL

L’aspetto più interessante dello smartphone flessibile di TCL è la dimensione e il design. Il dispositivo si piega su sé stesso in tre parti grazie alla presenza di due cerniere che collegano le diverse componenti del pannello dello smartphone. La dimensione di ogni singolo display è quella tipica di uno smartphone (circa 5,5 pollici), mentre una volta aperto ha la grandezza di un tablet (10 pollici). Più grande rispetto alla soluzione proposta finora da Samsung con il Galaxy Fold (7,3 pollici) e da Huawei con il Mate X (8”).

Sebbene non si conosca la scheda tecnica né il nome dello smartphone flessibile di TCL, l’azienda cinese ha fatto trapelare qualche caratteristica. Nella parte posteriore sono presenti quattro fotocamere, frontalmente c’è solo un sensore fotografico, mentre è assente il jack per le cuffie. Nessuna informazione per quanto riguarda processore, RAM, memoria e soprattutto la batteria, la componente più importante quando si tratta di dispositivi flessibili.

Quando esce lo smartphone flessibile di TCL

L’azienda cinese ha in programma di lanciare i primi dispositivi pieghevoli il prossimo anno. Per il momento non si conosce su quale dei tanti prototipi sviluppati verrà scelto per il lancio iniziale, ma se fosse lo smartphone che si piega in tre parti catturerebbe sicuramente l’attenzione degli appassionati.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963